annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

(Background Niniath)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • (Background Niniath)

    Sosaria è cambiata: lo sento nell’acqua, lo sento nella terra, lo avverto nell’aria…
    Molto di ciò che era, è ormai perduto; perché ora, non vive quasi più nessuno che lo possa ricordare.
    La storia che sto per raccontarvi è la storia di Niniath.
    Ebbe inizio in luoghi reconditi ormai dimenticati ed accompagnati dall’inesorabile forza del tempo...
    Ci fu un tempo di grandi guerrieri, ci fu un tempo di grandi gesta; un’era in cui i corni di guerra rimbombavano nell’aria, squarciando gli animi dei più deboli ed echeggiando nei cuori dei più forti.
    Non è semplice raccontare della vita di questo guerriero vissuto costantemente nell’ombra: un elfo oscuro intrepido, errante, praticamente perfetto che era riuscito a racchiudere in sé l’essenza della sua terra in poche parole, tradimento, morte, guerra!
    Le storie che circolano sul conto di Niniath sono tante, forse troppe per essere tutte vere; con certezza si sa soltanto che era uno spadaccino elitario, un Elfo Oscuro con una lunga chioma di capelli neri lucidi, di media e robusta statura, il cui corpo era dilaniato dalle cicatrici di innumerevoli battaglie passate.
    Egli prestò la sua spada mercenaria a molte delle casate esistite su questa terra maledetta; ciò che veramente era importante, ciò che veramente non doveva mancare nella sua vita era la battaglia; non aveva bisogno di ideali, non aveva bisogno di obbiettivi, tutto ciò che gli serviva era l’eccitazione che la lotta scaturiva nel suo corpo.
    Un’eterna altalena tra vita e morte: un gioco che poteva costargli caro in qualunque momento, ma che lo soddisfava appieno.
    Col passare degli anni, Sosaria, iniziò a cambiare: la pace cominciò a sostituire la guerra, il dialogo la lotta, i diplomatici i soldati…
    Niniath non era un individuo adatto a cotanta tranquillità, il suo animo bramava altro; così il suo spirito iniziò a sopirsi e decise di esiliarsi in mezzo alle montagne di Wind, dove sperava di annullarsi, insieme a dolori e rimorsi.
    Passarono gli anni, Niniath non si riconosceva più, era diventato apatico, intollerante e viveva come sempre nell’ombra…
    Ma poi accadde, al tramontare di un sole rosso come il sangue, di sentire delle urla provenire dai meandri della montagna, era la confraternita dei Revenants che resisteva ad un assalto goblin.
    Qualcosa in lui si riaccese, erano anni che non sentiva sulla pelle quella sensazione; decise di armarsi ed andare a controllare..
    Ma lungo il tragitto un folto gruppo di quegli spiritelli malvagi lo accerchiò!
    Era solo e destinato ad una morte ingloriosa, non degna del suo nome; quando dal nulla uscirono i Drow dei Revenants che unendosi a lui nella battaglia riuscirono a ribaltare la situazione, sterminando i goblin provenienti da Fear Keep.
    Niniath rimase estasiato dalle loro capacità belliche, non vedeva una tale organizzazione e forza da tanto, troppo tempo…
    Decise di offrire la sua spada ed il suo sangue all’esercito Drow, rinnegando il suo recente passato, con la volontà di plasmare un futuro il più simile possibile alle ere precedenti il suo esilio.
Sto operando...
X