annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[BG] Zpakka Krani

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • CaioJJ
    ha risposto
    *passarono i mesi….*

    La stanza in penombra, era invasa dagli oleosi e densi fumi degli incensieri sparsi un poco ovunque.
    La scelta della mistura di latte di papavero, mandragola e carne di basilisco era stata una mossa azzardata ma alla fine era piaciuta davvero a tutti e tre. Devis giaceva su un’amaca a torso nudo, la pelle verde e madida di sudore che luccicava nel riflesso delle danzanti fiamme delle candele rosse poste su teschi di svariate dimensioni e fattezze. Le due goblin gli dormivano accanto, entrambe abbracciate ai suoi fianchi.
    Tra le labbra stringeva delicatamente, come una canna sorretta dalle mani esperte di un maestro pescatore, un lungo sigaro di foglie intrecciate di chissà quale esotico oppiaceo, forse Lana-fumo di Magincia, forse il fragrante Gazer coltivato nel sud. Gli occhi del pelleverde erano chiusi e l’unico movimento percepibile nella stanza era quello delle leggere tende di pelle smosse dal vento che entrava non invitato dalle finestre.
    Poi, gli occhi del goblin si spalancarono, tondi come la luna stessa nei giorni di piena e iniettati di sangue come mille sottilissimi fiumi rossi.
    Il grosso cane sdraiato vicino al camino spento, un molosso dall’elegante pelo color fumo, aprì un occhio per assicurarsi che il padrone non ce l’avesse con lui e, quando si fu sincerato che nessuno in collera fosse a portata di lancio di stivale, tornò a dormire pesantemente con un ultimo sguardo attorno.
    Dapprima Devis non riuscì a proferir parola, una goccia di sudore che gli rigava la tempia sinistra e le labbra tremanti che si serravano quasi a scatti, poi, si tirò su con i gomiti, facendo ondeggiare la grande amaca di robuste funi scure e intrecciate.
    Una delle due goblin, la più “carina”, tentò di farlo ridistendere con una mano artigliata, gli occhi ancora chiusi ed ancora avvolta dalle pastoie della notte di bagordi.
    “Graak-El”, sussurrò infine lui, e si alzò di scatto a sedere.
    Le due femmine furono sbalzate a terra, quella sveglia accompagnando il volo con un grido stridulo simile al verso di un’anatra di Skara Brae, l’altra invece in silenzio, forse neanche svegliandosi nell’urto.
    “Graak-El”, ripetè il goblin. E la sua bocca si allargò in un sorriso simile a quello di un coccodrillo, i denti bianchissimi scintillanti alla luce delle candele. Con il solo ausilio delle labbra, fece passare il sigaro dall’angolo sinistro della bocca a quello destro, come un gatto che si lecca le labbra.
    Devis il Verde non era certo un tipo che si poteva definire molto fedele ai dettami religiosi. Nonostante avesse sempre provveduto ai sacrifici mensili, non aveva mai avuto un contatto diretto con la divinità pelleverde, cosa solitamente riservata agli sciamani della sua razza, affini per natura a tali esperienze.
    La mente del goblin era pervasa da mille pensieri ma solo uno martellava come un maglio su un’incudine e sovrastava di prepotenza tutti gli altri…”Fear Keep…Fear Keep”.
    Nella visione, Devis camminava di sera in un bosco di ampi faggi, era autunno e stava seguendo qualcuno ammantato in un pesante tabarro logoro, il cielo plumbeo e carico di pioggia.
    Aveva percorso svariate centinaia di metri nel fitto sottobosco e, ogni volta che gli pareva di perdere le tracce dell’individuo, questi pareva fermarsi apposta ad attenderlo.
    Poi, infine lo aveva raggiunto sul limitare di un costone erboso, sotto un precipizio e un fiume agitato.
    Devis si era avvicinato a passi decisi e con uno slancio aveva tentato di afferrare i drappi del mantello del tipo ma, con suo disappunto, lo aveva oltrepassato come fosse fatto di vapore ed era caduto di sotto, reggendosi al costone di roccia con una sola mano.
    Sotto, il vento ululava e le acque del torrente parevano mosse da enormi onde.
    Aveva guardato su e aveva fissato il buio all’interno del cappuccio dello sconosciuto che lo sovrastava.
    “Se ti aspetti che ti chieda aiuto…puoi anche prendertela comoda”, aveva mormorato sprezzante e a denti stretti il goblin ma, con sua grande sorpresa, il tipo, abbassando il copricapo, aveva rivelato essere una figura che nessun pelleverde poteva non riconoscere: Graak-El, il Dio-Eroe della razza goblin.
    Devis ne era sicuro, prima di cadere nel baratro, il Dio aveva sorriso e aveva pronunciato quelle parole…Fear Keep…poi, si era svegliato.
    Devis sapeva in cuor suo cosa doveva fare…e sapeva anche che non lo avrebbe fatto da solo.

    Il giorno dopo Devis, convocò il consiglio dei Lumen et Umbra, la questione era urgente e voleva porre un quesito a tutti i consiglieri.
    Verso sera, dal portone del faro mentre Devis era seduto al tavolo fumando il suo solito sigaro, vide entrare insieme Darken il Bianco in compagnia di Elektra the Purple…qualche minuto più tardi arrivarono Tristano Frebus e Grifis.
    I sei consiglieri si sedettero tutti intorno al grande tavolo, poi Devis prese la parola…..
    “Compagni…Fratelli…vi ho convocato perché la questione è urgente…Stanotte mi è apparso in sogno il Dio Graak El…dobbiamo muovere verso Fear Keep…E da tempo che medito su o sposatamento verso la mia città natale…Fear ha bisogno di giurisdizione…e noi siamo quella giurisdizione.”
    I consiglieri erano incuriositi dal discorso di Devis… l’idea piaceva a tutti…una città nascosta agli occhi del popolo di Sosaria dove avrebbero potuto vivere all’ombra di tutti.
    Darken capo della confraternita prese la parola…”Fratelli, quello che stiamo per decidere decreterà il nostro futuro…la nostra vita…Però Devis dovrà spiegarci come muoverci…a Fear Keep solo la fede Goblin può sopravvivere…”
    Devis ascoltate le parole di Darken riprese la parola e illustrò ai suoi fratelli il percorso del loro cambiamento…”Fratelli…voi rinascerete dal mio sangue…io infonderò in voi la forza di Graak El…Domani ci ritroveremo qui e daremo vita al nostro nuovo cammino…”
    I Fratelli erano contenti, ma allo stesso tempo un po’ impauriti…se non fosse andato tutto come dovuto?

    *L’indomani*

    Devis era in trepidazione, il suo sogno stava prendendo forma e un nuovo cammino li attendeva…I compagni avevano avvisato tutti i confratelli e chi aveva accettato la proposta stava facendo ingresso al grande faro di Serpent’s….
    D’un tratto l’ombra entrò nelle stanze, e Devis iniziò il rituale…
    Prese un coltello e stringendo la lama nella mano destra si procurò un taglio, poi fece cadere il sangue nel boccale…prese le erbe cresciute alle porte di Fear Keep raccolte alla mattina, poi con il mortaio e recitando il rituale inizio a creare la mistura…
    “SANGUE…ERBA…GRAAK EL CHE UNA NUOVA CREATURA TI APPARTENGA!”
    Terminato il rituale…Devis prese la mistura e il coltello poi passò dai suoi fratelli uno ad uno…
    “Bene fratelli ora dovrete procurarvi un taglio sulla mano io vi applicherò la mistura…”
    Ogni fratello a turno prese il coltello e chiudendo gli occhi si tagliò sulla mano….poi Devis uno ad uno diede la mistura…Terminato il giro Devis li guardò poi esclamò:
    “GRAAK EL ORA SIAMO TUE CREATURE!!!”
    L’ombra invase tutto il faro…..

    *La mattina*

    I fratelli si risvegliarono e si sentivano cambiati…Graak El li aveva pervasi…
    Si guardarono e il cambiamento stava avvenendo anche sul loro corpo…iniziavano a prendere un colorito verdognolo…le orecchie mutavano nella loro forma….
    Poi Darken prese la parola…”Fratelli, ora questo siamo, uniti tutti dallo stesso sangue…la luce non ci appartiene più…Qui termina il cammino dei Lumen et Umbra e nasce la nuova via….”
    Poi Darken prese una piuma, un pezzo di pergamena e iniziò a scrivere….
    “Qui termina il cammino dei Lumen et Umbra…Sosaria ci ha offerto molto, ma ora l’oscura ombra ci richiama.”
    Preparati i carri e svuotato il faro i fratelli si diressero verso Fear Keep…nuove avventure li attendevano.

    La tribù degli Zpakka Krani stava nascendo....

    Lascia un commento:


  • CaioJJ
    ha risposto
    Tristano era a casa che sistemava la legna tagliata da poco per il camino...
    Come sempre su Northgard, il vento era gelido e la neve cadeva insistente sul suolo.

    Kish, moglie di Tristano, era intenta a sistemare le stanze, quando sentì suonare la campana all'ingresso...

    All'ingresso un messaggero...portava un vessillo dai colori violacei e sopra cucito in fretta un nome "Lumen et Umbra"....

    "Salve chi cercate?" disse Kish....

    "Salve Lady, è qui che vive Ser Tristano? ho un messaggio urgente da recapitargli..."

    "Si abita qui...attendete ve lo chiamo." .... "Caro, un messaggero deve recapitarti un informazione urgente..."

    Tristano rimase un attimo spiazzato....poi appoggiati gli attrezzi da lavoro si diresse al portone...

    "Salve Messere....sono Tristano....chi mi invia questo messaggio?"

    "Salve Ser Tristano...tenete è un messaggio di Darken il Bianco, Capo Mercenario dei Lumen et Umbra. Leggete. A presto Ser, a presto Lady."

    Il messaggero risalì in sella al suo cavallo e via...
    Tristano intanto seguito da Kish, si stava recando nella biblioteca della casa...Arrivati si sedettero, Tristano apri la busta accuratamente sigillata e iniziò a leggere...

    "Caro Tristano...
    La chiusura dei Seax ci ha scosso tutti e come ben saprai alcuni compagni sono partiti e non sappiamo se faranno ritorno, e ti scrivo per invitarti a Serpent's presso la sede dei Lumen et Umbra per discutere quanto si sta creando.

    Abbiamo deciso di stanziarci a Serpent's Hold, e di metterci al servizio di ha bisogno di difesa sotto pagamento.

    Attendo la visita dei Fratelli Darkfighter...

    Saluti
    Darken il Bianco, Capo Mercenario."


    Tristano era diventato cupo in viso...Kish si stava preoccupando..."Caro cosa succede?"

    "Cara...leggi..."

    E Kish lesse lo scritto..."Caro...cosa intendi fare? Sai che io appoggerò ogni tua scelta...."

    Tristano sapeva che i fratelli tempo qualche giorno sarebbero arrivati a casa...Belgeon e Silverkin come tutti del resto appresa la notizia dei Seax si erano subito messi in viaggio per far ritorno...

    "Attenderò Belgeon e Silverkin e deciderò anche con loro cosa fare....ora andiamo a mangiare Cara..."


    ----------------passati 3 giorni--------------------


    "TOC TOC"...."FRATELLO! SIAMO NOI!! APRITE!!"

    Tristano corse ad aprire le porte...Kish si era recata in piazza a fare compere...

    "FRATELLI!!! Benvenuti!! Sono felicissimo di rivedervi...soprattutto rivedervi tutti interi!" e tutti e tre si misero a ridere...

    "Fratello, dopo il tuo allontanamento dai Seax, come avrai saputo le cose sono un po peggiorate...(http://www.gamesnet.it/f752/un-cambiamento-747370/) ... Ramish ha deciso infine di abbandonare tutto e noi eccoci qui..."

    "Si ho appreso la notizia da voci di paese...a Northgard ne parlano in molti...ma si dice anche che alcuni vecchi Fratelli stiano facendo ritorno a Cove come briganti..."

    "Si fratello è cosi..."

    "Comunque carissimi...leggete questa missiva...è arrivata tre giorni fa da parte di Darken..."

    I due lessero attentamente...poi sospirarono e guardarono il fratello Maggiore...

    "Cosa intendi fare?...."

    "Andare...ma non posso lasciare Kish qui da sola..."

    "Abbiamo noi la persona giusta...Zio Shaketorn...potrebbe venir qui per il nostro periodo di viaggio...."

    "Avete ragione...mandatelo a chiamare...."


    ----------------2 giorni più tardi--------------------

    Shaketorn era arrivato a casa della famiglia Darkfighter...

    Si respirava un po di tristezza nell'aria, ma quella volta era diverso...Kish sapeva che Tristano avrebbe sicuramente accettato l'incarico, ma questa volta la storia era diversa, Tristano avrebbe combattuto solo quando ci sarebbe stato del denaro come ricompensa...in fondo si sa i Mercenari combattono solo per denaro e solo se qualcuno chiede di farlo....

    Finiti i saluti i tre fratelli avevano una nave pronta al porto di Northgard a salpare per Serpent's Hold, dove si sarebbero uniti ai Lumen et Umbra...

    Lascia un commento:


  • Darken87
    ha iniziato la discussione [BG] Zpakka Krani

    [BG] Zpakka Krani


    Lumen et Umbra


    Era notte a Cove e l’aria era pesante…

    I Seax avevano subito il colpo finale…Ramish aveva deciso di abbandonare per sempre le terre di Cove lasciando quella che era la sua famiglia spaesata senza un punto di riferimento…

    Darken il Bianco era in piazza a Cove fermo a guardare le guardie e i cittadini allontanarsi…nell’ombra tre sagome prendevano forma…Darken le guardò meglio erano Devis il Verde, Frebus of Yew e Box Shadow of Cove…
    I tre raggiunsero Darken, fermo li pensieroso e Box gli disse..”Allora amico…cosa pensi di fare? Rimani qui a Cove a rimuginare su quanto successo o ti unisci a noi?” Darken lo guardò e replicò…”Hai in mente qualcosa? È tutto perduto ormai…”
    “Darken tu che eri il nostro generale vuoi lasciar morire tutto cosi? Senza reagire? Hai forse bevuto?” Replicò Frebus…e subito rispose “Hai ragione amico…dobbiamo darci da fare….star qui a piangersi addosso per quanto accaduto non ha senso…dobbiamo reagire!!! Da veri guerrieri!”
    I quattro si guardarono, salirono in sella ai loro destrieri e partirono per nuovi orizzonti…

    In nottata i quattro amici raggiunsero una taverna poco distante da Cove, lasciarono i destrieri in stalla e si diressero all’interno dell’edificio…
    “OSTE! Quattro birre….”

    Gli amici non venivano visti di buon occhio…i loro volti non erano estrai ad altri guerrieri all’interno della Locanda, ma dal bancone una voce esclamò…”Stanotte niente spade e bicchieri rotti!!!! O dovrete vedervela con me e i miei cani…e non mangiano da parecchio!”
    Darken prese parola…sussurrando con gli altri tre…nessuno doveva sentire….”Amici…le nostre storie sono tutte sporche del sangue che per anni abbiamo visto sulle nostre spade e sui campi di battaglia….la gente, come ben sapete presto saprà che il famoso esercito di Cove si è sciolto e tutti sono stremati dalla guerra di Tourach…dobbiamo cambiare vita…ci state?”

    I tre compagni riflettevano, sorseggiando la birra e guardandosi intorno, rimanendo sempre sull’attenti…poi guardarono Darken e risposero…”Si…dobbiamo prendere il coraggio a due mani e prendere una nuova strada! Il nostro futuro ancora non è scritto!”
    Darken prosegui….”sentite bene….la gente ora più che mai ha paura, Tourach ha seminato il terrore con il suo esercito, dobbiamo farci furbi…doniamo loro la nostra arte nel combattere in cambio di denaro!! Sicuramente qualche membro dell’esercito di Cove proverà a rifarsi vivo….e noi dobbiamo cogliere questa occasione! Difendere gli indifesi si…ma non cambio di denaro!”
    I tre risero fragorosamente….”Darken hai ragione!!! Sicuramente la paura può giocare a nostro favore!!”

    Darken sorrise, poi finì la sua birra fece cenno ai suoi amici…”Stanotte dormiremo fuori…non voglio spargimenti di sangue inutili…”, poi si alzarono e si diressero verso i loro destrieri…

    “HOP HOP”….E Sparirono nel bosco…

    All’alba i Darken si svegliò…e pensando fra se e se “Siamo nei dintorni dell’ingresso di Wind…da queste parti se non ricordo male dovrebbe esserci una vecchia roccaforte abbandonata….” “SVEGLIA PELANDRONI”…i tre amici si svegliarono di botto e con voce scorbutica “DARKEN! Che fretta hai?”

    Con fare lento e assonnato gli altre tre si preparano e risalirono in sella al loro cavallo, poi Darken disse “Qui nei paraggi dovrebbe esserci una vecchia roccaforte abbandonata…dobbiamo trovarla….potremmo impadronircene e usarla come nostra futura dimora….ANDIAMO!”
    E partirono alla ricerca…

    Per qualche ora cercarono nel bosco….vicino alle rocce…sulla costa…Poi….”ECCOLA DARKEN! VENITE COMPAGNI!!” esclamò Devis…
    La roccaforte era li…la porta era abbattuta, dentro solo ragnatele qualche tavolo spaccato, sedie e librerie marcite…negli angoli vecchie botti piene di vino e birra…

    “Compagni questa sarà la nostra dimora…qui ricostruiremo le nostre storie…il nostro FUTURO!”
    “Compagno! Ripartiremo da qui!!!!”

    I guerrieri erano contenti…la dimora era stata trovata…ora tutto era da costruire….

    Bisogna gettare le basi per ripartire ora....Darken prese un pezzo di pergamena e si mise a scrivere mentre i suoi compagni erano fuori a caccia.

    "Lumen et Umbra saranno cosi organizzati:

    La gilda dei Mercenari è una organizzazione Gerarchica Meritocratica basata sul rispetto comune e il reciproco aiuto, coloro i quali entreranno a far parte della gilda saranno tenuti ad osservare le regolamentazioni emanate dall'Alto Consiglio Mercenario e ad impegnarsi per raggiungere gli obiettivi primari e a seguire le linee guida che il Consiglio riterrà più opportune.

    Ai vertici ci sono il Capo Mercenario ed il Console i quali fissano gli indirizzi generali del clan, prendono decisioni in campo legislativo e organizzativo, nominano nuovi membri, decidono le espulsioni e le pene. Ognuno di queste due figure ha il diritto di veto sull'altro e quindi se si dovessero trovare in disaccordo su questioni riguardanti il clan si procederà con regolare e democratica votazione.

    Il Gran Capo Mercenario a differenza del Console ha anche un ruolo di rappresentanza verso le altri genti del nostro mondo e ha quindi il compito di tenere alto e prestigioso il buon nome della gilda. In linea gerarchica seguono il Generale ed il Vice Console i quali insieme al Gran Capo Mercenario e al Console formano il Gran Consiglio Mercenario che ha pieni poteri sulla gilda.

    Il Generale decide unitamente al Console e al Capo Umbra gli accordi strategici e a chi muovere guerra, il Vice Console prende decisioni in assenza del Console e ha il compito di informarlo su fatti che possono interessare la gilda.Queste cariche non hanno diritto di veto sul Console e sul Gran Capo Mercenario ma presenziano alle consulte e consigliano quest'ultimi.

    Figura importante la rivestono i Magazzinieri che hanno il compito di amministrare e sorvegliare gli immensi tesori della gilda e di gestire gli scambi ed il commercio con le altre gilde.

    Importante e' anche la figura del Recluatore che ha il ruolo di osservare i giovani avventurieri che potrebbero essere un buon investimento per il futuro. Costui avrà il compito di segnalare al Consiglio i nominativi dei giovani avventurieri “interessanti e interessati” e previa autorizzazione dello stesso deciderà, unitamente ad uno dei componenti della consulta, la missione da affidare all'aspirante Mercenario.

    All'interno della gilda esistono anche altre figure che assumono il ruolo di Osservatori i quali rivestono un ruolo di fiancheggiatori delle varie figure sopra citate e che quindi possono essere utilizzati in mansioni svariate. Possono essere definiti gli uomini di fiducia delle alte sfere della gilda."


    Chi entra a far parte degli Umbra accetta senza deroghe ne ripensamenti le seguenti leggi emanate dal Consiglio:

    >Si invitano i componenti a mantenere un comportamento consono alla situazione ed a comportarsi sempre in modo corretto verso gli altri membri degli Umbra.

    >Divieto di creare scontenti ed alimentare inutili polemiche.

    >Divieto di diffondere informazioni sugli Umbra, pena accusa di tradimento ed espulsione.

    >E' vietato prendere decisioni riguardanti i Umbra in assenza di uno dei cinque vertici.

    >Esigiamo un comportamento corretto e all'insegna del rispetto verso i Cittadini di Sosaria.

    >E' vietato tener celato al clan qual si voglia informazione che potrebbe risultare utile al miglioramento della gestone dell clan previa autorizzazione del Console o Vice-Console.

    Il Capo Mercenario
    Darken il Bianco"


    Darken fini di scrivere ciò che da oggi sarebbe stata legge per i quattro amici ed i loro futuri compagni...

    Verso sera, i tre compagni fecero ritorno alla fortezza...Darken li attendeva...fece leggere il manoscritto...poi i tre compagni si voltarono verso Darken e egli gli disse..."Compagni...Fratelli...questo è il nostro futuro...se siete d'accordo con me firmate quanto riportato su questa pergamena...da oggi questa sarà la nostra legge."

    I compagni a turno firmarono la pergamena, si guardarono tutti e quattro e esclamarono "Da oggi per sempre insieme!!! Giuriamo fedeltà!!!"
    Ultima modifica di Darken87; 03-09-2014, 01:57.
Sto operando...
X