annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[Background] Virtue Keepers

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • [Background] Virtue Keepers

    Erano mesi che nella città di Britain si respirava un’aria diversa, non c’era più quella sensazione d’ordine, di giustizia, di lealtà, sensazione che era andata via con la morte dei Legionari.
    Tutti se ne erano avveduti, ma la città sembrava abbandonata a se stessa, tutti sparlavano tra loro delle malefatte dei caotici e di gruppi sparsi di briganti, ora che nessuno poteva più fermarli ne fronteggiarli ed le uniche reazioni dei cittadini si limitavano alla semplice invettiva.

    In quel che resta della lucente Britain in pochi son rimasti ad abitare, proprio per le ripetute razzie da parte dei caotici, per la mancanza di leggi e di un qualcuno che le faccia rispettare. Uno di questi è il giovane Loxwash, una volta anche lui Legionario, ora dedito a coltivare il campo di fianco a casa sua. Rimembrando i momenti della sua gioventù passati al fianco di grandi cavalieri, spade e scudi, un senso di inadeguatezza lo assaliva, il tempo di qualche vago ricordo, quando sentì il galoppo di un gruppo di briganti appena entrati in città, “Briganti!” gridò nella sua testa, e subito andò a rinchiudersi dentro casa. “Così siete venuti a prendere anche l’ultimo briciolo di felicità che ci rimane”, pensò guardando i cavalieri che cercavano qualcuno da sbeffeggiare o ancor meglio uccidere.
    Fu cosi che ad un tratto una bambina uscì di casa ignara di quel che le sarebbe accaduto di lì a poco, sorridendo camminava per le strade della vecchia Capitale. “Guardate!” gridò il loro capo, il più malvagio ed anziano tra i briganti che avevano trovato rifugio a Sud di Britain, “una bambina tutta sola si aggira per le strade, andiamo ad aiutarla!” e sbottò in una amara risata. Uno dei briganti si avvicinò e tirarò la bambina da un braccio, come se fosse un animale, per poi rigettarla a terra e circondarla con gli imponenti cavalli.
    Intanto Loxwash assistendo a questa scena non poté che prendere la sua vecchia spada e andare a difendere quella fanciulla indifesa, scelta non troppo ponderata, visto il numero maggiore dei briganti rispetto a lui solo.
    Ne seguì un'accesa schermaglia fintanto che un brigante non tagliò la testa a quella povera fanciulla innocente sotto ordine del loro capo, ed a Loxwash non rimase che scappare dalla sua stessa città per sopravvivere.

    Fatte perdere le sue tracce, Loxwash sentiva il dover fare qualcosa, qualcosa per far tornare Britain la capitale splendente che era un tempo, quella a cui nessun caotico si sarebbe mai avvicinato per paura di essere ucciso dai tanti cavalieri che la difendevano.
    Ripensando a ciò che aveva visto si domandò “Possibile che della Legione di un tempo non sia rimasto che io? Ricordo cavalieri valorosi, maghi formidabili, possibile che siano tutti morti? Che siano stati tutti sopraffatti?”.
    Si diede una risposta ferma, “no”, non era possibile che tutti i suoi vecchi compagni fossero morti, qualcuno sarà riuscito a scappare! Continuava a pensare.

    Fu cosi che si ricordò della grande amicizia che c’era tra i Legionari ed il Gran maestro dei Templari Argo, lui sicuramente avrebbe potuto informalo sui compagni di un tempo, se e chi era ancora vivo, e magari dove trovargli.
    Loxwash si mise subito in viaggio alla volta di Magincia, isola che ospita la casata dei Templari.
    All’arrivo trovò immediatamente un messo templare che lo scortò al castello; alla vista di Argo Loxwash brillò di rinnovata speranza, “quell’uomo incute un non so che di celestiale” pensò nel vederlo.
    “Grande Argo, son qui per chiederle una cosa di immane importanza. Esiste ancora qualche vecchio Legionario da qualche parte? Qualcuno con cui io possa parlare per ridare a Britain il suo dovuto splendore?”.
    Argo sentendo tali parole, si rallegrò, “il momento è giunto dunque” disse, “il prode Silv Gorgantes non sbagliava, mi disse che sarebbe venuto qualcuno a chiedere di lui e dei pochi rimasti e quel qualcuno sei tu dunque”. Subito Loxwash replicò “Si, beh, penso di esser io, ricordo quel nome, Gorgantes, la prego Sir Argo, mi dica dove posso trovarli!”. Così Argo, senza chiedere nient’altro al giovane cavaliere, sfilò dalla sua veste un antica pergamena e gliela diede dicendo ”Qui è illustrato il punto esatto ove son rifugiati i pochi sopravvissuti, trovali giovane cavaliere! E che Zoe sia con voi tutti!”.
    Dopo alcune settimane di viaggio Loxwash arrivò nel punto indicato dalla vecchia pergamena, e come dettogli da Argo trovò li i suoi vecchi compagni, non erano a centinaia come sperava, ma c’erano i più valorosi tra quelli che ricordava, Il grande druido Syko che come sempre rideva facendo scherzi al resto del gruppo, il buon vecchio Lich Von Draken, che tutto pensieroso se ne stava a fissare il fuoco, e c’era anche lui, Silv Gorgantes, a differenza degli altri lui aveva un aspetto come se attendesse qualcosa, o qualcuno.
    Non appena li vide, Loxwash corse da loro e non appena gli fu davanti, non seppe che dire, lui, un giovane cavaliere davanti a loro, si sentiva una nullità. Non fece a tempo ad aprir bocca che Silv Gorgantes lo precedette e disse “Sei tu dunque? Il ragazzo che lasciammo a Britain?” Le facce degli stessi Syko e Lich rabbrividirono al ricordo di quell’episodio,ne Silv continuò, “Beh se sei tu, dobbiamo chiederti scusa, siamo dovuti scappare in fretta per il bene stesso della nostra pelle, e per il volere di Zoe sei riuscito anche tu a scappare!”. Subito Loxwash replicò quasi infuriato: “Scappare? Scappare? Io non sto scappando! Son qui per chiedere a voi, Legionari, di tornare con me a Britain e ridarle lo splendore che aveva un tempo, lo splendore che con il vostro sudore avevate creato.”.
    Syko e Lich, si guardarono ricordando i momenti splendidi passati nella Capitale, Silv invece sembrava pensieroso e rimase in silenzio per alcuni istanti prima di esordire “E sia! Torneremo a Britain! Riprenderemo ciò che è nostro di diritto! E nessun’altro mai riuscirà a portarcelo via un’altra volta!”.
    All’udire queste parole, Syko e Lich saltarono in piedi con un gran sorriso dicendo quasi in coro “ Beh cosa stiamo aspettando?! Partiamo immediatamente!”. Silv dovette però smorzare gli animi “Ragazzi non dimenticate che la città non è più un posto sicuro per noi forze dell’ordine, dovremo riconquistarla con la forza delle spade e liberare dall’assedio il castello di Lord British! E magari ci serviranno anche le tue magie Syko, sempre se le ricordi!”. Syko gli rispose ”E allora bene, se è di spade e braccia che abbiamo bisogno non c’è problema, conosco dei bravi spadaccini che affiancherebbero sicuramente la nostra battaglia, forza e onore li spingono! Vado subito a cercarli, ci vedremo alla terza luna al cancello nord della Capitale e non tardate!”
    Silv fece un cenno di approvazione con il capo e Syko subito si dipartì con il fratello Lich Von Draken.

    Rimasero per un altro giorno soli Loxwash e Silv Gorgantes nell’accampamento, perfezionando il piano di riconquista della Capitale e preparandosi al meglio per la battaglia che sarebbe giunta di lì a poco.
    Partirono così il giorno seguente alla volta dell’amata Britain. Arrivati ai cancelli, come detto da Syko alla terza luna, si ritrovarono in 8 cavalieri, forse un segno divino, otto come le virtù della loro amata Zoe, tutti pronti per riappropriarsi del loro castello e riconsegnare la Capitale al loro re, Lord British.
    Seguì una cruenta battaglia sul ponte della vecchia fortezza, creature di sconosciuta provenienza insediavano la fortezza, fantasmi, demoni e innumerevoli creature mai viste da occhio umano. Gli otto cavalieri riuscirono però a sconfiggerli e ad entrare nel fortezza un tempo occupata dai Legionari.

    Nelle sale c’era una strana sensazione, solo carcasse di mostri sconfitti, il silenzie più tetro. Ad un tratto come un miagolio provenne dalle cantine, subito Silv Gorgantes e Loxwash scesero per controllare se non fosse rimasto qualche strano mostro ancora vivo all’interno. Trovarono tutt’altro che un mostro, era il loro vecchio capitano Sir Azagoth, per settimane rimasto a combattere solo questi mostri, e che ora continuava a ripetersi, ormai senza voce, “non doveva finire così, non doveva finire così!”. Silv Gorgantes, aiutandolo a rialzarsi, gli sussurrò “non è finita caro amico, non è finita, è solo l’inizio, oggi rinasce una nuova forza dell’ordine, i Virtue Keepers!”. Sentendo queste parole il vecchio comandante guardò il cavaliere con occhi di nuova speranza, per poi svenire dalla stanchezza tra le mani di Loxwash.
    Portato Azagoth a riposare, Silv Gorgantes radunò tutti gli otto cavalieri e disse loro “Compagni d’arme, da oggi non saremo più un ammasso di inutili uomini dediti a coltivare o a bere il buon vino dei Von Draken. Da oggi torniamo ad essere Cavalieri di Lord British! Da oggi saremo i Virtue Keepers!”.

    Loxwash, Syko, Lich e gli altri guardarono Britain dall’alto del tetto della fortezza con rinnovata speranza, partendo verso il castello del loro re per giurare nuova fedeltà. Britain sarebbe tornata la splendida città di sempre.
    sigpic

    Originariamente inviato da sampey
    io continuo a dire che verrebbe considerato come incauto acquisto.
    Poi oh, magari fanno il lodo Anubi O_o
Sto operando...
X