annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cenni di storia

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cenni di storia

    ***

    Originariamente inviato da keisuke Visualizza il messaggio
    La Storia di Skara Brae

    Premessa
    Caro lettore, che tu sia uno studioso in cerca di una cultura piu vasta o di un semplice curioso interessato agli argomenti qui riportati devi sapere che gli avvenimenti passati non potranno mai essere riportati al presente ma possono essere molto utili per cambiare il futuro, nostro e degli altri, in bene si spera.


    Le Guerre Elfiche

    Anno 32 dal Grande Disastro, nei giorni in cui le antiche armate dei pretendenti imperatori si scontravano a sud e a ovest della grande catena montuosa,Skara Brae, una piccola città impossbilitata a prendere parte alle guerre, edificata su un isola, e che fino ad allora aveva vissuto in pace, si vide costretta ad affrontare un grande nemico: le formidabili armate Elfiche.
    Essendo un nemico troppo forte da affrontare da solo, Skara si vide spinta a stringere un alleanza con Yew, anche essa minacciata dalle armate elfiche; i contatti avvenivano per lo più via mare perche era molto rischioso commerciare e trattare via terra.
    Combatterono strenuamente il nemico comune e si aiutarono
    vicendevolmente per i venti anni della guerra; la vera svolta avvenne quando Yew si mise in contatto via mare con la città artigiana di Minoc che gli offrì i suoi servigi commerciando armi e attrezzi da guerra e contemporaneamente un nutrito gruppo di Elfi chiari abbandonò le armate per accettare la convivenza pacifica con gli umani.
    I due evanti segnarono l'esito dela guerra, facendo trarre un sospiro di sollievo alle due città, infatti poco tempo dopo Yew riuscì a scacciare le armate Elfiche verso oriente, anche se questo provocò tensioni con Minoc vedutasi minacciata.
    Dopo la guerra Skara Brae estese i suoi confini anche sulla terraferma e diventò una città multiculturale e multietnica in quanto integrò la popolazione Elfica pacifica facendola anche inserire nel consiglio governativo della città.
    L'amicizia con Yew continuò anche dopo la guerra che diede inizio ad un alleanza politica e di amicizia che è durata fino ai nostri giorni.
    La posizione geografica e l'estenuante lotta contro gli Elfi aveva
    isolato Skara Brae dal resto del mondo: Skara ha sempre mantenuto da allora un assetto neutrale verso gli altri paesi e, quindi, del trattato di Cove e dall'influenza sempre piu crescente della Sacra Chiesa di Sosaria.
    Fatto, questo, che ebbe profonde conseguenze negli anni a venire.


    La fuga dei Templari verso Skara Brae

    Prima o poi anke Skara Brae avrebbe fatto la sua comparsa sullo
    scenario politico di Sosaria. Per troppo tempo i semi del conflitto che avrebbe devastato l'intero continente per trent'anni erano in germinazione. Skara Brae era rimasta isolata dal resto del continente per molto tempo; non aveva preso parte alle lotte iniziali per la successione imperiale; non aveva mai firmato il Trattato di Cove;non era mai stata seriamente condizionata dal potere religioso; non aveva mai adottato la religione della SCdS come culto ufficiale dello Stato, anzi aveva mantenuto orgogliosamente una decisa laicità; non aveva mai perseguitato gli 'eretici' né aveva mai tentato di convertire le popolazioni (umane o meno che fossero); non aveva mai bandito la magia;
    aveva adottato il calendario e la moneta comune, ed aveva firmato gli accordi di libero scambio solo per convenienza commerciale; non si era mai sentita in dovere di intervenire nelle dispute religiose e politiche che infiammavano i rapporti tra le altre città-stato; aveva sempre badato alla propria sopravvivenza e prosperità senza accorrere massicciamente in soccorso di nessuno e senza chiudere mai le porte in faccia a nessuno, a qualunque fazione appartenesse;avevano accolto dapprima i fuggiaschi della Chiesa Riformata, e poi i superstiti dell'Ordine Templare, dai quali aveva appreso la conoscenza di molte magie e che aveva integrato nei propri ranghi come istruttori
    ed ufficiali militari. In sostanza si era curata più che altro dei loro
    interessi, avevano accolto tutti (naturalmente facendo osservare le leggi locali) in una società multietnica e multiculturale e, per
    riassumere, si era sempre fatta beffe delle leggi e dell'ordine sancite dal Trattato di Cove.
    Mentre altrove, pur tra mille tensioni, regnava un tipo d'ordine
    fondato sull'omogeneità (persino a Buccaneer's Den o a MoonGlow) a Skara Brae regnava qualcosa che, visto dall'interno, si poteva definire come tolleranza e multiculturalità, visto dall'esterno occhio degli altri governanti si poteva definire come caos, confusione, disordine e divisione.
    Tutti i regnanti di Sosaria vedevano con sospetto e con un certo
    fastidio Skara che aveva guadagnato e prosperato dall'estraenita alle guerra di un secolo prima,raccogliendo i vantaggi della pace stabilita col Trattato di Cove e però rimanendo immuni allo strapotere della Chiesa e non pagando il prezzo che altre città avevano pagato per mantenere il delicato equilibrio politico e militare. Infine la Sacra Chiesa di Sosaria era indispettita per l'indipendenza delle due città e preoccupata per gli insegnamenti magici ricevuti dai templari fuggitivi.
    Tutto questo sfociò in una guerra quando, nel 141 GD, emissari delle altre città-stato furono inviati a Skara Brae con il prepotente e imperioso ordine, firmato dai regnanti di tutte le altre città-stato fedeli all'Arcivescovo, di sottomettere la Repubblica alle norme sancite dal Trattato di Cove.
    Gli emissari furono ascoltati con cortese attenzione dal Consiglio
    della Repubblica al gran completo; ci fu una pacata ed educata discussione tra i Consiglieri, che durò circa mezz'ora, ed infine al termine di una votazione unanime (fatto, questo, più unico che raro a Skara Brae), le guardie della Repubblica eseguirono la delibera del Consiglio: gli emissari furono spogliati e rispediti nudi a Britain, dove erano riuniti i regnanti di tutte le città-stato fedeli all'Arcivescovo.
    I regnanti di Yew invece, che si trovava nella stessa situazione di
    Skara Brae, furono molto più sbrigativi ed espliciti: gli emissari
    riuscirono appena a terminare l'esposizione delle loro richieste, che furono subito defenestrati. Questo episodio è passato alla Storia come 'La defenestrazione di Yew' ed è stato sicuramente la scintilla che ha acceso il fuoco d'inizio della Guerra dei Trent'Anni.


    L'invasione di Skara Brae

    Adesso prima che leggiate il resto occorre aprire una parentesi: tra le altre cause il motivo che spinse la Sacra Chiesa di Sosaria ad attaccare Skara fu lo scisma del monaco Friar Tuck che opponendosi alla corruzione della SCdS fondo un proprio ordine religioso ed edificando un monastero nella citta sotterranea di Wind. Ora dovete sapere che l'abate Friar Tuck chiese ospitalita a Skara, che essendo storicamente contro l'Arcivescovo lo accettò e la citta tutta si convertì a Idior, questo, provoco le sue ire e la conseguente accusa di eresia sulla città tutta, che fu poi sconsacrata.
    In quegli anni fu molto dura per i cittadini che sentivano il bisogno
    di confessarsi, ma tutti resistettero, e quando, finalmente, l'Abate
    Friar Tuck portò l'ordine monastico all'apice della sua grandezza
    spirituale, la SCdS ricevetta una enorme sconfitta su questo piano ed infatti molte citta si rivoltarono contro la SCdS e l'Arcivescovo; e fu solo allora che Skara ebbe la sua totale indipendenza, ed infatti ancora oggi è la città più importante di Sosaria sul piano spirituale in quanto ospita il Sacro Ordine dei Monaci.

    (a cura del Bibliotecario di Skara Brae, sir Feanor)
    Ultima modifica di suddafrica; 17-08-2012, 17:39.
    VENDOR SKARENSE, IL VENDOR DI TUTTI!


  • #2
    ***
    Originariamente inviato da keisuke Visualizza il messaggio
    Nell'anno 141 GD la armate di Britain iniziarono l'invasione di Skara Brae.
    La prima vera battaglia in campo aperto avvenne dopo due mesi di guerra, quando le forze di Britain erano già state ridotte di un quarto dei loro effettivi, mentre quelle (sparpagliate e rapide a colpire e ritirarsi) di Skara Brae erano pressoché intatte.
    La prima battaglia in campo aperto fu terribile. Le perdite furono
    pesantissime da entrambe le parti e le forze di Skara Brae (pur aiutate da alcuni reggimenti accorsi in aiuto da Yew) dovettero ripiegare rapidamente.
    All'inizio dell'anno 142 GD le forze di Britain erano ormai giunte alle periferie di Skara Brae, già date alle fiamme dalle truppe della
    Repubblica, che si erano ritirate sull'isola demolendo il ponte che la collegava alla terraferma.
    Ovviamente il Consiglio della Repubblica aveva predisposto da qualche tempo i preparativi per un assedio: erano state accumulate provviste, le case e le famiglie si erano preparate ad accogliere ed ospitare i profughi dalla terraferma, i guaritori avevano allestito ospedali d'emergenza per i feriti e la piccola flotta era in allarme per presidiare le coste dell'isola.
    Così quando l'armata di Britain fortificò la costa di rimpetto
    all'isola per impedire sortite degli assediati, tutti erano preparati. Dopo due settimane d'assedio le forze di Britain tentarono uno sbarco, cercando di ricostruire il ponte di collegamento utilizzando delle chiatte; ma l'operazione fallì grazie all'impiego, da parte degli assediati, dal piccolo ma efficiente plotone di arcieri armati di frecce incendiarie.
    Così gli assedianti rinunciarono e si disposero ad attendere l'arrivo della flotta di Trinsic. Quando la flotta di Trinsic arrivò in vista di Skara Brae erano già passati quattro mesi dall'inizio dell'assedio e l'estate stava cominciando.
    Gli assedianti non avevano tentato altri sbarchi e si erano limitati e impedire agli assediati di mettere piede fuori dall'isola. La flotta di Skara, meno numerosa e non armata come quella degli invasori non riusci a trattenerli,lasciando scoperto in questo modo l'unico ostacolo che si frapponeva tra la città assediata e gli assedianti.Tuttavia per diversi altri mesi la situazione rimase in stallo. C'era solo un punto della costa di Skara Brae utilizzabile per uno sbarco di truppe ed era stato pesantemente fortificato.
    Il resto dell'isola era protetto dalle scogliere, difficili da scalare
    anche per abili arrampicatori. Per sei mesi ci furono tentativi di
    sbarco, sempre rintuzzati dagli assediati e che, a quanto raccontano gli anziani, fecero uso anche della magia per proteggere e difendere quell'unico e preziosissimo punto d'accesso.
    Nei primi mesi del 143 GD la situazione ancora non accennava a
    cambiare. Apparentemente gli assediati avrebbero potuto continuare per molti altri mesi resistendo all'assedio. Le forze di Britain e Trinsic, prese dalla frustrazione scelsero una nuova tattica: l'isola di Skara Brae fu colpita, per giorni di seguito con proiettili lanciati da pesanti catapulte: i proiettili non erano quelli normali costituiti di pietra o materiali infiammabili: erano scagliati all'interno della città animali morti, carcasse di cavalli e bestiame in putrefazione, balle di letame, tutto nella speranza di provocare malattie e disgusto,fiaccando così la resistenza degli assediati. Terminato il bombardamento 'biologico' iniziò il bombardamento incendiario. Per molte notti gli assediati rimasero svegli,impegnati a spegnere gli incendi e rimuovere dalle strade le carcasse di animali in putrefazione.
    I guaritori ebbero molto da fare e si calcola che nel corso di quella
    settimana circa un terzo delle case di Skara Brae finì bruciata o
    contaminata da malattie e, quindi, bruciata a sua volta dai guaritori per impedire il contagio.Skara Brae era irriconoscibile, colonne di fumo si alzavano da più punti della città. Con la città di Skara Brae non espugnata ma evidentemente in ginocchio, le armate di Britain e Trinsic ritennero di aver fatto quanto possibile e che i risultati erano soddisfacenti: così levarono l'assedio e si diressero a nord, verso Yew.Skara Brae era scampata all'assedio resistendo agli imponenti eserciti invasori e alla sterminata flotta di Trinsic! Ma a quale prezzo?!

    La sconfitta della flotta di Trinsic e delle Armate di Britain, unita
    alla defezione di Minoc e Vesper, provocò una profonda crisi nello
    schieramento delle forze fedeli all'Arcivescovo di Nujel'm. Yew stava costituendo un'armata formidabile; Skara Brae stava lentamente riprendendosi dalle devastazioni subite e stava addestrando diversi maghi in vista di futuri impegni militari..........

    (a cura del Bibliotecario di Skara Brae, sir Feanor)
    Ultima modifica di suddafrica; 17-08-2012, 17:40.
    VENDOR SKARENSE, IL VENDOR DI TUTTI!

    Commenta


    • #3
      ***
      Originariamente inviato da Windam88 Visualizza il messaggio
      Skara e trinsic è una vita che tirano su player nuovi e gli spiegano persino quale sia il sito del forum di uoi......ho visto gente di altre city indirizzare i nuovi a skara o trinsic perchè tutti sanno che in queste city si cresce......il problema nn è dell'esistenza o meno di player che aiutano,il problema è che anche chi nn te aiuta è ignorante e spaccone....
      insomma nn dico che tutti debbano aiutare i pg nuovi(è un gioco se nn ti va di farlo nn lo fare,qualcuno lo farò al posto tuo prima poi) ma almeno un pò di buon senso e carineria.
      la gente nn se ne va all'inizio perchè è nabba,ma perchè tizio o caio li lammano li offendono li insultano.

      siete ridicoli e repressi.....a mio avviso chi fa così è uno s****to in real che si prende le sue rivincite in game.

      per tutto il resto.....c è skara.
      VENDOR SKARENSE, IL VENDOR DI TUTTI!

      Commenta


      • #4
        ***
        Originariamente inviato da suddafrica Visualizza il messaggio
        L'Abofana

        L'Abofana è molto rara
        puoi vederla solo a Skara
        a portare doni a tutti,
        anche a quelli nei viotti.
        Scuro è il viso col barbone
        porta sempre un forcone,
        e se fai il birbaccione
        ti regala il carbone!
        Ma a chi è buono la creanza,
        come vuo' la ricorrenza
        senza tanta tracotanza...
        Tutta panza, tutta panza!
        Questa è la poesia
        della nostra epifania,
        dedicata a tutti quanti
        belli brutti e petulanti!
        VENDOR SKARENSE, IL VENDOR DI TUTTI!

        Commenta


        • #5
          Pensiero di Elios del 20/03/2012
          Originariamente inviato da bonanzino Visualizza il messaggio
          Tutti sono consci della bellezza selvaggia del nostro isolotto!!!!
          Non siamo Trinisc, a noi non piace il marmo.
          Non siamo Cove, con tutti quegli edifici di pietra.
          Non siamo Ocllo, rinchiusa da 4 mura.
          Non siamo Vesper, con tutti quei ponti che dopo 10 anni di gioco, ancora non so dov'è la banca.
          Non siamo Dregoth, color giallo urina.
          Non siamo Stirling, che pare una città fatata.
          Non siamo Moonglow, con lo zoo, il cannocchiale spaziale, e quel labirinto a fianco della banca
          Non siamo Serpent, troppo troppo grigia.

          Siamo di Skara Brae.
          Da noi se butti a terra un fiammero, rischi di cancellarti tutto l'account, perchè "perisce" a seguito dell'incendio catastrofico che si crea.
          Da noi la sede di fazione, è in legno, e la poltrona più bella è quella in velluto rosso, con almeno 20 cm di polvere.
          Da noi ci stanno due banche!!!! La prima è paragonabile all'Unicredit di Algeria, l'altra alla banca popolare di Kabul
          Da noi l'arena è in legno, che se c'è troppa gente si rischia che crollino gli spalti, ed è agibile soltanto ai fazionati!!!
          Da noi l'arena ha preso posto, senza motivo alcuno di una sede gilda.
          Da noi gli investimenti fatti su sphere (Armonia + arena fuori città) sono andati letteralmente in beneficienza allo staff.
          Da noi c'è un piccolo pontile, stile quello di Cove, ma ovviamente è antimagic
          Da noi, non c'è razzismo. Con una barca puoi entrare da ogni parte... favoriamo l'immigrazione!!
          Da noi la zona macraggio per niubbi, è uno steccato con quattro manichini... perchè i niubbi devono faticare e rinforzarsi alle intemperie.

          DA NOI NIENTE PVP DAVANTI ALLA BANCA VECCHIA!!!! (cit. da Hawrons il fremen).

          Da noi, c'è il sindaco con le tette, senza baffi, con la vagina, ed addirittura coi capelli.
          Da noi, può entrare chiunque, basta guardare quanti napoletani ci sono fazionati.


          Vieni a trovarci a Skara!!!
          Perchè Skara è bella, perchè Skara è vera, perchè Skara ama, e lo fa una notte intera!!!!!!!!!!!!!
          VENDOR SKARENSE, IL VENDOR DI TUTTI!

          Commenta

          Sto operando...
          X