annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

"Edonnad", l'Editto Imperiale

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • "Edonnad", l'Editto Imperiale

    Edonnad

    Questo è l'Edonnad, l'Editto della Creazione dell'Impero degli Aldarion.
    Oggi viene ristabilito l'antico ordinamento Imperiale e quanto segue rappresenta le linee guida generali che fungeranno da guida per tutti i fratelli.

    1. Disposizione Geografica

    L'Impero degli Aldarion si estende per tutta l'ampiezza della Foresta d'Avorio: a sud confina con Dunford, ad est è delimitato dalla catena dei Picchi dei Denti Aguzzi, a nord confina con il Mare del Nord e a ovest è delimitato dal mare e dalla catena montuosa delle Fonti del Sirion, una volta conosciute come Fonti di Jil'Rai.

    1a. Città

    Le città dell'Impero sono Illium, Eldarin e Jil'Rai. Illium è stabilita quale capitale e sede degli elfi bianchi, Eldarin come centro di scambio commerciale, culturale e sede degli Elfi Blu e dei mezzelfi che decidono di seguire il loro lato elfico, mentre Jil'Rai sarà luogo sacro dedicato agli Spiriti della Natura e sede degli Elfi Selvaggi.
    I Clan degli Elfi dei Boschi possono stanziarsi dove lo riterranno più opportuno lungo tutta l'estensione della Foresta d'Avorio.
    Il Sentiero dei Sussurri è riconosciuto quale loro base principale.

    2. Struttura Sociale

    I titoli nobiliari vengono ristabiliti. Essi rappresentano l'anzianità ed il valore di ogni fratello.
    I titoli sono Aldarion (Elfo, letteralmente nato dagli alberi), Arphen Aldarion o Elfo Nobile e Brannon Aldarion o Elfo Sire.
    Ogni elfo riceve dalla nascita il titolo di Fratello. Esso rappresenta il fatto che al di là di ogni arte della quale disponiamo siamo prima di tutto Fratelli.
    Gli Erphin Aldarion o Elfi Nobili sono elfi che si sono distinti per la loro esperienza e per le loro azioni.
    I Brennyn Aldarion o Elfi Sire/Elfi Signori sono degli esempi tra gli Aldarion e sono i membri più importanti della società.
    I titoli di Elfo Nobile e Elfo Signore vengono dati dal Sommo Consiglio (vedi punto 3).
    Ogni elfo ha diritto di venir giudicato da un tribunale di pari.
    Ogni titolo viene dato innanzi al Sommo Consiglio.
    I non elfi che vengono ritenuti particolarmente degni vengono nominati Amici degli Elfi dal Sommo Consiglio.
    Tale titolo gli garantisce l'accesso a tutte le zone dell'Impero e la possibilità di abitare in esso.

    3. Ordinamento Politico

    L'Impero degli Aldarion è retto dalla Aire Aran, la Sacra Imperatrice, Somma Sacerdotessa di Kira.
    Nelle sue decisioni è sostenuta da due consiglieri, l'Hir Hothron, il comandante dell'Esercito e l'Hir Herdir, il rappresentante degli Ordini e delle Arti degli Elfi.
    Vi sono Tre Consigli con funzioni differenti.

    Il Consiglio degli Aran è il consiglio composto dai quattro Aran, i quattro Re. Esso si occupa dell'amministrazione generale dell'Impero.
    Gli Aran attualmenten in carica sono:
    - Nairael Eldarin, Aire Aran, Aran di Illium e degli Elfi Biachi
    - Erain Ethuil, Aran di Eldarin e degli Elfi Blu
    - Eldacar Taure, Aran dei Clan e degli Elfi dei Boschi
    - Anya, Aran di Jil'Rai e degli Elfi Selvaggi

    Il Consiglio degli Hothron è il consiglio militare, di polizia e diplomatico, composto dai tre Hothron, i tre comandanti dell'esercito.
    Gli Hothron attualmente in carica sono:
    - Elendur Narcamil, Hir Hothron e Hothron della visione degli Aratmacil
    - Sigil Beriad, Hothron della divisione dei Dolthol e rappresentante Diplomatica dell'Impero
    - Arta Aicànaro, Horthron della divisione degli Heriad

    Il Consiglio degli Heriad è il consiglio culturale e filosofico, composto dai sette Heriad, i rappresentanti degli ordini, dei culti e delle arti dell'Impero.
    Gli Heriad sono:
    - Elkhanter, Hir Heriad e Heriad rappresentante degli Ithryn
    - Irimar Nallad, Heriad sappresentante delle Luthiennen
    - Anirnen, Heriad rappresentante del Culto di Kira
    - Sil Sùle, Heriad rappresentante degli Sciamani
    - Aldar Màna, Heriad rappresentante dei Druidi
    - Tarmenel Nolme, Heriad rappresentante del Culto di Astus
    - Lysandra, Heriad rappresentante dei Bardi

    Il Sommo Consiglio è il consiglio composto dai membri dei Tre Consigli e presieduto dall'Aire Aran con l'assistenza dell'Hir Hothron e dell'Hir Heriad.
    Questo consiglio ha il compito di prendere decisioni straordinarie e particolarmente gravi. Inoltre tale consiglio ha il privilegio di dare i vari titoli nobiliari.
    E' garantito al Drago Brea un seggio presso il Sommo Consiglio e al Padre della Foresta di Jil'Rai per voce di Anya.

    Gli ordinamenti relativi all'esercito e ai vari ordini verranno consegnati ai membri in diverse pubblicazioni.

    4. Rapporti Diplomatici

    Attualmente i rapporti diplomatici dell'Impero sono i seguenti:

    - Con il popolo degli umani del gelo e i nani vi è un'alleanza militare e economica chiamata Alleanza dell'Albero Bianco. Ciò garantisce loro il nostro appoggio e il nostro rispetto.

    - Con Lux Dei e le città ed i villaggi ad essa soggetti vi è un rapporto di cordiale neutralità. Gli Elfi Blu che hanno deciso di rimanere in tale città vengono comunque considerati fratelli a pieno titolo.

    - Con Samar il rapporto è di neutralità, ma recenti indagini stanno rivelando la malevolenza di tale Regno. In attesa di prove certe è fatto divieto ai cittadini dell'Impero di recarsi a Samar o nelle città o villaggi ad essa soggetti se non per autorizzate missioni diplomatiche.

    - Con i Clan dei Barbari del Sud vi è neutralità militare, ma blocco economico. Non possono venir intrapresi scambi commerciali con le strutture ufficiali dei Clan ed è fatto divieto di recarsi nei territori a loro soggetti, a meno che non sia necessario passarvi accanto per andare altrove o per autorizzate missioni diplomatiche.

    - Con il Dominio il rapporto è di ostilità. Ogni rapporto economico e diplomatico è vietato senza il permesso del Sommo Consiglio.

    - Con la Lega delle Città Libere il rapporto è di cordiale neutralità e in modo specifico di amicizia con gli abitanti di Dunford visto il rispetto che da sempre portano per la Foresta d'Avorio con cui confinano.

    4b. Divieti e Permessi

    - Solo i fratelli e gli Amici degli Elfi ufficialmente riconosciuti possono oltrepassare le Porte d'Avorio che conducono a Illium. Per gli altri è necessario uno speciale permesso.- L'accesso alla Foresta d'Avorio è libero per chiunque abbia intenzioni amichevoli, di carattere commerciale o culturale.

    - I membri del popolo dei Genasi sono ben accetti nel territorio elfico per l'origine che li lega profondamente al Creato.
    Ciò non toglie che essi comunque dovranno rispettare le leggi dell'Impero nel periodo che vi transitano.

    - E' vietato l'accesso alla Foresta d'Avorio ai Drow, ma è garantito loro il passaggio tra i Picchi e Dunford. Anche in questo luogo comunque essi devono mostrarsi disarmati e con intenzioni non ostili, pena l'espulsione con qualsiasi mezzo.

    - E' permesso l'accesso alla Foresta d'Avorio ai Samariti e ai Barbari del Sud solo disarmati e solo nel tratto che porta dal sud della Foresta d'Avorio ai Porti di Eldarin. Dovranno dichiarare ai rappresentanti dell'Impero il motivo della visita e il permesso al loro transito è responsabilità dell'Hothron dei Dolthol e dell'Aran di Eldarin.
    Per accedere alle altre zone dovranno fare formale richiesta al Sommo Consiglio.

    - Gli incantatori conosciuti come Warlock che entrano nella Foresta d'Avorio devono immediatamente render note le autorità della loro natura e del motivo del loro ingresso. Essi verranno scortati da un membro degli Ithryn o delle Luthiennen che veglieranno sui loro instabili poteri. In mancanza di un membro dei due ordini sopracitiati il warlock potrà essere scortato da qualsiasi membro dell'Impero.
    A chi rifiuta tale prassi verrà proibito l'accesso alla Foresta.
    Stessa regola vale per tutti coloro che hanno sangue diabolico o demoniaco nelle vene.

    - I ricorsi per esilii individuali potranno essere presentati al Hothron dei Dolthol, Sigil Beriad.

    5. Modifiche.

    Potranno essere fatte modifiche ai punti 3 e 4. Tali modifiche verranno comunque rese note.
    Per qualsiasi dubbio riguardo le sopracitate regole è possibile rivolgersi all'Hir Heriad Elkhanter.

    *Seguono le firme dei membri del Sommo Consiglio.
    Copia dell'Edonnan viene esposto nelle città elfiche e consegnato ai diplomatici dei Regni.*
    Ultima modifica di Varnon; 07-02-2009, 18:00.
    Su Entara 3

    Raghnall Brennan
    Le Spire del Drago

    DEV

    Su Entara 2
    Varnon Malin.
    -Assistente e Portavoce del Sommo Elkhanter.
    -Istir Lùth dell'Ordine degli Ithryn.
    -Vice Rettore dell'Accademia di Magia di Ero.

    > "Discordia", la Cronaca del Passato di Eldarin.
    > "Edonnad", BG dell'Impero Elfico

    > Diario di Ricerca.

    "La conoscenza massima è la capacità di creare nuova conoscenza..."
    -----


  • #2
    Esercito Imperiale

    Il nuovo esercito imperiale si struttura in tre divisioni, determinate dal compito e dalla specialità. La gerarchia è comune a tutte e tre le divisioni in modo che non ci siano conflitti gerarchici, tuttavia per una divisione ha priorità la decisione di un proprio ufficiale rispetto a quella di un parigrado di un'altra divisione.
    L’autorità militare è autonoma per quanto riguarda l’organizzazione interna, ma è comunque sottostante al volere dell’Imperatrice che tuttavia esercita tale possibilità quasi solo in casi di azioni al di fuori dell’Impero.


    Gerarchia

    Hir Hothron: Il comandante supremo che risponde al diretto volere dell'Imperatrice. Viene scelto dall’imperatrice da uno dei tre Hethryn.

    Hothron (Hethryn pl.): Si occupa di guidare una delle tre divisioni. Solitamente sono membri delle unità speciali della loro divisione.

    Aglareb (Eglerib pl.): Ufficiali che hanno un potere decisionale e di responsabilità relativo ad un gruppo o riguardo missioni speciali decise dai capi, come occuparsi della guardia all'Imperatrice etc...


    Thalion (Thelyn): membri regolari dell'esercito.


    Heriad (Heriaid pl.): membri in attesa di valutazione.


    Divisioni
    Aratmacil (Campioni della Spada)
    Questa divisione è composta da maestri nel combattimento in corpo a corpo, tra cui spiccano gli Spadaccini Imperiali, capaci di brandire due spade con micidiale eleganza e precisione. Alcuni elfi dei boschi capaci di far appello allo spirito più primordiale della loro creazione si mettono al servizio di questo corpo mettendo a disposizione le loro abilità barbariche, anche se la loro azione si svolge nella foresta assieme agli Hador.
    A questa divisione appartengono anche i guerrieri che si mettono al servizio del culto di Kira come campioni divini della dea e le Guardie Imperiali che si occupano della sicurezza di Illium e Eldarin.
    La sede della divisione è a Illium.


    Dolthol (Coloro che nascondono)
    La divisione di che raccoglie esperti furtivi e diplomatici usati per spionaggio o controspionaggio dall'Impero e per altre mansioni per cui sono necessarie discrezione ed astuzia.
    Si tratta soprattutto di elfi blu, visto la loro millenaria esperienza nel trattare con le altre razze.
    Sono famosi per la notevole quantità di contatti data sia dalla longevità degli elfi che compongono la divisione sia per la loro naturale predisposizione all'allacciarli. Per tale ragione essi si occupano di fungere da punto di riferimento per gli “Amici degli Elfi”.

    La loro sede è a Eldarin.


    Hador (pl. Heidor - Lanciatore)
    Questa divisione annovera esperti cacciatori, guide, esperti ranger dei boschi e i temutissimi arcieri imperiali, guerrieri impareggiabili per l'abilità nell'uso dell'arco.
    Costoro sono adibiti principalmente alla difesa della Foresta e dei confini dell’Impero, oltre a dar supporto con i loro archi agli Artamacil nel corso di battaglie o guerre.
    La sede della divisione è la foresta stessa.


    Unità Speciali


    L’Esercito Imperiale dispone di tre corpi speciali, appartenenti ognuno ad una delle tre divisioni.
    Questi corpi nascono dall’unione tra l’addestramento militare e l’addestramento da parte degli incantatori Ithryn sfruttando la naturale predisposizione alla magia e alla conoscenza del Popolo degli Elfi.

    Nota: le seguenti cdp non sono ad uso esclusivo di questo esercito, semplicemente qui hanno un nome e bg particolari.


    Aratan (cdp Cavalieri Mistici, Glirhatelo biclasse guerrieri/incantatori)
    Corpo Speciale degli Artamacil, considerato la nobiltà dell'esercito che porta avanti l’antica tradizione dei grandi guerrieri elfi capaci di unire l'arte magica all'arte della spada.
    Solo gli elfi bianchi sono normalmente accettati in questo corpo speciale. Gli altri elfi non considerano nemmeno la possibilità di entrarne a far parte e i pochi che ci tentano vengono sottoposti a durissime prove per essere ammessi a quel che viene considerano l'apice della carriera di qualsiasi elfo che disponga di abilità marziali e non solo.
    Sono uniformemente riconosciuti guide dai loro compagni, sebbene non lo siano sempre e non siano obbligati a ricoprire cariche di comando.


    Avethar (cdp Mistificatori Arcani, o biclasse furtivi/incantatori)
    Corpo Speciale dei Dolthol, elfi furtivi addestrati ad arricchire il proprio repertorio con la conoscenza magica, capaci di piegare la Trama a proprio vantaggio per render la loro favella più convincente od il loro pugnale capace di attraversare anche le più potenti barriere magiche.
    Spesso sono consiglieri strategici delle altre divisioni ed abilissimi ambasciatori.
    E’ la carriera preferita per chi ritenga lo studio della magia troppo limitante e le arti belliche troppo rozze e sbrigative.
    Così come nella divisione di origine a tale corpo appartengono per la maggior parte elfi blu.



    Feryth (cdp Arcere Arcano)
    Corpo Speciale degli Hador, elfi che grazie ad una comprensione basilare della struttura della Trama la sfruttano nel suo essere più grezzo per potenziare le loro abilità con l’arco.
    Essi sono famosi per la loro mistica precisione e potenza e rivaleggiano con gli Aratan per prestigio tra le fila dell’Impero.
    Solitamente guidano gruppi di Arceri Imperiali nel caso siano guerrieri Elfi Bianchi o pattuglie di Ranger nel caso siano ranger elfi dei Boschi, anche se il comune amore per la foresta tende a rendere il cameratismo di questo corpo estremamente forte a prescindere dalle differenze di stirpe.



    --------------


    Personaggi Giocanti membri dell'Esercito


    Fanrgo, Aglareb della divisione degli Aratmacil
    Eoden, Heriad della divisione degli Aratmacil, aspirante Aratan



    Valduin, Aglareb della divisione degli Heidor, Membro dei Feryth

    Aniel, Thalion della divisione degli Heidor, aspirante Feryth

    Erbin, Thalion della divisione degli Heidor


    Meldon, Thalion della divisione dei Dolthol, aspirante Avethar
    Ultima modifica di Varnon; 19-02-2009, 21:53.
    Su Entara 3

    Raghnall Brennan
    Le Spire del Drago

    DEV

    Su Entara 2
    Varnon Malin.
    -Assistente e Portavoce del Sommo Elkhanter.
    -Istir Lùth dell'Ordine degli Ithryn.
    -Vice Rettore dell'Accademia di Magia di Ero.

    > "Discordia", la Cronaca del Passato di Eldarin.
    > "Edonnad", BG dell'Impero Elfico

    > Diario di Ricerca.

    "La conoscenza massima è la capacità di creare nuova conoscenza..."
    -----

    Commenta


    • #3
      Ordini Divini

      Culto di Kira

      Il Culto di Kira è la massima autorità morale e filosofica dell’Impero.
      Così come prima della ricostruzione dell’Impero, il culto di Kira non ha nulla a che spartire con le gerarchia ecclesiastiche degli altri dei poiché gli elfi hanno una percezione tangibile della presenza di loro madre, sia nella loro carne che nel loro spirito. Incarico del culto non è diffondere tanto la fede in dogmi, quanto il pensiero filosofico legato all'essere elfi e figli di Kira ed al miglioramento spirituale legato al seguire i dettami dell’Armonia.
      Tale punto di vista è condiviso dai membri del culto che appartengono ad altre razze.
      Cura del Culto è custodire l’Armonia del creato in ogni sua forma, soprattutto quella Naturale, e spingere i fedeli ad innalzarsi attraverso il rispetto di esso e la sua profonda comprensione.
      La violenza è usata solo in momenti in cui è necessaria, poiché in un corretto equilibrio la Distruzione deve esser minore rispetto alla Creazione ottenuta.
      Minaccia principale a tutto ciò, nell’ottica del Culto, sono i non morti, aberrata invenzione di Heli. Essi rappresentano la corruzione finale dello spirito, che rinuncia alla possibilità della rinascita a nuovi e superiori stati d’esistenza per rimaner attaccato all’esistenza di questo tempo.
      La magia arcana è considerata dal culto componente naturale del Creato, anche in virtù della naturale predisposizione degli elfi a tale pratica, quindi gli arcanisti sono ben visti e rispettati, sempre che a loro volta rispettino l’Armonia.
      Il Culto collabora con il Circolo Druidico e con i Ranger sostenendoli con i propri servigi, essendo essi la manifestazione più immediata della volontà di Kira di difendere e proteggere il Creato.
      L'esercito si occupa della difesa marziale dei luoghi di culto e dei suoi membri con i Campioni Divini appartenenti alla divisione degli Artamacil, i maestri di spada.
      Molto spesso le sacerdotesse e i sacerdoti, visto il loro grande prestigio all’interno dell’Impero vengono chiamati a presiedere tribunali e riti di ogni sorta.

      Titoli
      La gerarchia all’interno dell’ordine è stabilita dall'anzianità ma non è considerata rigidamente: prevale la spontaneità con la quale la saggezza pervade i cuori e le anime dei Sacerdoti. La guida spirituale è rappresentata dall’Imperatrice, Somma Sacerdotessa del Culto, eletta da Kira stessa ed è sostenuta da un sacerdote o da una sacerdotessa anziana che fa le sue funzioni di gestione dei templi.
      Il culto tuttavia ha assunto ora una la vecchia distinzione di sesso in ottica femminile all'interno della sua struttura e cioè le femmine, le Vanimaril di Kira (Vanimar singolare), hanno l'incarico di guide spirituali del Culto e dell'Impero, mentre i maschi, i Valanduril di Kira (Valandur singolare), si occupano della gestione più pratica e diplomatica.
      All’interno del culto vi sono anche monache e monaci, che dal punto di vista degli elfi sono pienamente considerati sacerdoti ed alcuni di essi uniscono i poteri sacerdotali alle abilità tipiche del monaco.



      Circolo Druidico, Seggio Druidico

      Il Circolo Druidico è la guida spirituale di Jil’Rai e sommo guardiano del Ciclio Naturale, non solo per quanto riguarda Ero.
      Raccoglie in se Druidi e Sciamani ed accoglie persino i più meritevoli tra le altre razze per mostrar loro la bellezza del massimo esempio di Natura.
      Durante il periodo del nascondimento di Jil’Rai il Circolo creò il Seggio per vigilare sui druidi presenti su Ero, qualsiasi fosse la loro divinità o la loro razza.
      Ora le due entità si stanno via via unificando sebbene il Seggio rimane sia come punto di incontro tra i vari difensori della natura, anche se di fedi distanti sia come luogo di addestramento per i novizi.
      Il prestigio dei druidi e degli sciamani è pari a quello delle sacerdotesse e dei sacerdoti di Kira sebbene i primi tendano a non esercitare le numerose funzioni e privilegi di cui sono a disposizione.
      Ad esempio anch’essi possono presenziare come giudici nei processi.
      Quando è proprio necessario svolgono tali mansioni per gli Elfi dei Boschi e per gli Elfi Selvaggi generalmente, ma non rifiutano a prescindere di assistere le altre stirpi, solo preferiscono gli spazi aperti e naturali piuttosto ai palazzi delle città elfiche. Solo a Jil’Rai essi ricoprono effettivamente la “classe dirigente”.
      Come già accennato i druidi più meritevoli di altre razze sono ammessi ad accedere a Jil’Rai per quanto riguarda il territorio del Circolo. Tuttavia solo i druidi elfi hanno titolo nelle faccende della città.

      Titoli

      I titoli corrispondono ai titoli del seggio e ne sono lo specchio.

      Ornendil (pl. Ornendili): Così vengono chiamati sciamani e druidi. Ognuno di essi dopo aver superato una prova ha l’incarico di proteggere un particolare aspetto della natura o un particolare luogo.
      Gli sciamani tendono a legarsi a gruppi specifici di spiriti, come spiriti del fuoco, dei lupi etc… mentre i druidi tendono ad essere legati a luoghi o a gruppi di elfi dei boschi o selvaggi come una guida.

      Yàra Ornendil (pl. Yara Ornendili): Gli Anziani, i membri del Circolo che affiancano il Tara Ornendil nelle decisioni e nella guida di Jil’Rai. Uno di questi membri diviene l’arcidruido del Seggio, con l’incarico di vigilare sui druidi di Ero.

      Tàra Ornendil: L’Arcidruido, colui che guida il Circolo e, tramite l’Arcidruido del Seggio, il seggio stesso.


      Culto di Astus


      Il culto di Astus è da sempre presente nella società elfica e trova in essa benevole accoglienza visto la naturale predisposizione per tale razza per la conoscenza e la conservazione della stessa.

      Il Tempio di Eldarin, così come gli altri templi di Astus nel resto di Ero, non è legato ad una gerarchia centralizzata bensì vive in autonomia.
      Esso accoglie a se ogni razza sebbene prediliga quella elfica, soprattutto la Stirpe degli Elfi Blu, visto la loro maggiore predisposizione al viaggio e allo scambio culturale con ogni tipo di razza.
      Gli elfi membri del culto riconoscono la supremazia di Kira per quanto riguarda loro stessi e la creazione e seguono Astus come protettore e portatore della Conoscenza, elemento imprescindibile perché l’Equilibrio possa prosperare.
      Il Tempio non ha particolari autorità all’interno dell’Impero ne desidera averne poiché ama la sua indipendenza e la vede come una caratteristica fondamentale per la sua missione, ma è punto di riferimento per conoscenza d’ogni sorta, dalla storia alla geografia, dallo studio scientifico alla filosofia. In ciò collabora a fondo con l’Ordine degli Ithryn per quanto riguarda lo scambio di conoscenza magica.

      Titoli

      La gerarchia rispecchia quella degli altri Templi di Astus, i vari gradini gerarchici indicano solo il merito per la conoscenza acquisita. Ogni fedele intraprende il suo studio in libertà con l’approvazione di un suo superiore; la ricerca così viene divisa e ottimizzata.

      L’unico altro obbligo è condividere con gli altri seguaci le proprie scoperte fornendo ai fratelli scrivani le nozioni apprese.
      L’ordine è così composto da un Sommo Sapiente, capo a vita della chiesa; dai Sapienti Superiori, incaricati di studiare e custodire le conoscenze della terra e di occuparsi della gestione amministrativa e finanziaria della chiesa stessa; dai Sapienti, incaricati di studiare e custodire le conoscenze della terra.

      Gli Accoliti rappresentano il gradino più basso del culto e devono dimostrare ancora la propria fedeltà: a loro non è permesso l’accesso alla nozioni più importanti del culto.

      Infine, gli Scrivani sono seguaci di ogni grado dediti alla stesura dei libri contenenti le nozioni apprese dal culto.

      ------------------------

      Personaggi giocanti membri degli Ordini Divini

      Faredal, sacerdote di Kira

      Sequoia,
      Ornendil del Circolo Druidico

      Hander, Orendil del Circolo Druidico

      Gartan, sciamano iniziato del Circolo Druidico

      Ultima modifica di Varnon; 14-02-2009, 23:41.
      Su Entara 3

      Raghnall Brennan
      Le Spire del Drago

      DEV

      Su Entara 2
      Varnon Malin.
      -Assistente e Portavoce del Sommo Elkhanter.
      -Istir Lùth dell'Ordine degli Ithryn.
      -Vice Rettore dell'Accademia di Magia di Ero.

      > "Discordia", la Cronaca del Passato di Eldarin.
      > "Edonnad", BG dell'Impero Elfico

      > Diario di Ricerca.

      "La conoscenza massima è la capacità di creare nuova conoscenza..."
      -----

      Commenta


      • #4
        Ordini Arcani

        Ordine degli Ithryn

        E' l'ordine che raccoglie i maghi del popolo elfico e vigila sull’uso dell’arte arcana nell’Impero accanto alla Sorellanza delle Luthiennen.
        Esso vedono la pratica magica come un unione armonica con le forze e la materia che compone e genera il Creato.
        L’uso della magia per potere o per scopi personali può causare solo ignoranza del suo senso reale e quindi disastri inimmaginabili come il Grande Disastro, in cui incantatori inadatti cercarono di usare la magia di un tempo, l’Alta Magia per diventare dei.
        L’equilibrio, la ragione, alimentati dalla passione e dall’intuito dei figli di Kira rende gli Ithryn unici tra gli incantatori di Ero per perizia e conoscenza.
        Sono consapevoli di ciò e non esitano a farlo presente quando lo ritengono opportuno.
        Essi hanno una visione molto pragmatica della magia, lasciando agli ignoranti pregiudizi e dicerie.
        Ciò però non significa che si sentano liberi di usare ogni incanto, tutt’altro.
        E’ proibito ogni uso di incanti che rechino alterazioni aberranti come ad esempio usare l’energia negativa per legare anime a cadaveri. Ciò è malvagio, poiché reca inutile dolore ed è un insulto a Kira.
        Altra cosa inammissibile è diffondere malattie, veleni o degradare le anime, nemmeno per autodifesa, poiché ci sono incanti che possono rivelarsi ben più distruttivi senza alterare la basilare armonia del creato.
        La necromanzia non è proibita completamente, ma come si è visto è usata con parsimonia e solo negli incanti assimilabili alla semplice evocazione di energia negativa per difendersi, attaccare o spaventare i nemici senza aberrarne l’anima o il corpo.
        Stesso si può dire degli incanti di evocazione che richiamano esterni maligni, poiché la loro presenza su questo piano sarebbe solo fonte di caos.
        In ogni caso la necromanzia viene studiata nella sua teoria generale e funzionamento come ogni altra scuola e incantesimo, poiché anche essa, come la distruzione nel ciclo dell’esistenza, è necessaria.
        Inoltre l’ignoranza porta al mistero ed il mistero al desiderio incontrollato di conoscere e le menti inesperte potrebbero esserne attirate e cadere così nelle braccia di qualcosa che non conoscono completamente, pensando di ottenere cose inottenibili e dannose.
        Raramente si trovano specialisti fra gli Ithryn poiché preferiscono avere una comprensione totale della Trama, ma non c’è nessuna regola che proibisce a qualcuno di esserlo.
        Naturalmente non si vedranno mai tra loro negromanti o demonologi.

        Titoli

        Neth: I “giovani”. Tale è il titolo di coloro che vengono accolti su richiesta nell’Ordine. Qui apprendono i principi basilari della Trama, la storia del suo uso e la filosofia che sta dietro ad una pratica di successo ed armonica con la natura ed il resto del Creato.

        Ithron (pl. Ithryn): Gli "Incantatori". Questo è il titolo che designa i Neth che sono stati ritenuti degni di accedere ai segreti più profondi della magia Elfica e Draconica.

        Istir Lùth: Questo è il titolo degli Ithryn che hanno incarichi di insegnamento e incarichi diplomatici. Il loro compito è diffondere la concenzione magica degli Elfi affinché l’uso della Trama da parte di altre razze e degli elfi stessi non comprometta l’Armonia.
        Solo solitamente i membri più aperti e disposti a relazionarsi con le altre razze per motivi di mansione più che per pura benevolenza, inoltre sono coloro che più degli altri si sono avvicinati ai misteri dell'Alta Magia.

        Ar Ithron: I migliori e più potenti Ithryn assumono questo titolo, il che li fa accedere ai compiti decisionali dell’ordine.

        Eriad Ithron: è colui che guida l’Ordine e risponde direttamente all’Imperatrice.


        Sorellanza delle Luthiennen


        Legate alla magia dalla natura stessa, le Luthiennen sono le streghe guardiane di Jil’Rai.
        Esse rappresentano il lato passionale e femminile della magia, più emotivo che razionale.
        La loro visione dell’arcano è estremamente legata a Kira, poiché dicono che esse l’hanno ottenuta per sua volontà per rappresentare il lato più imprevedibile e caotico della natura, senza che tuttavia tale imprevedibilità vada a ledere l’Armonia.
        L’ordine oltre alle streghe accoglie anche barde, specializzate in ammalianti canti e danze con cui celebrano il creato ed il lato femminile della magia.
        Anche gli elfi maschi sono accettati nell’ordine, tuttavia non possono accedere a cariche decisionali, poiché nell’ottica delle Luthiennen i maschi non sono in grado di percepire le profonde emozioni legate alla materna creazione di Kira e alla magia ad essa legata.
        Per tale ragione fungono soprattutto come aiutanti, difensori od esecutori.
        Questa distinzione non sfocia mai nel disprezzo, poiché è la Madre ad aver stabilito un incarico per ogni creatura, un incarico che solo tale creatura può svolgere meritando per ciò rispetto.

        La Sorellanza è l’elemento opposto ma complementare dell’Ordine degli Ithryn con il quale condivide la responsabilità dell’uso dell’Arte Arcana nell’Impero.
        Le luthiennen o i luththir non hanno le stesse limitazioni degli Ithryn nell’uso della magia, poiché essendo incantatori innati non possono scegliere i loro poteri.
        Le streghe e gli stregoni nati con poteri negromantici vengono chiamati Figli del Terzo Volto. Il Terzo Volto nelle tradizioni druidiche rappresenta il lato distruttivo di Kira, l’ultima parte del ciclio dell’esistenza.
        Essi così rappresentano il lato più oscuro e vendicativo della Sorellanza, spesso usati con l’incarico di eliminare traditori ed avversari pericolosi.
        Tuttavia se i loro poteri dovessero portarli alla capacità di evocare non morti questo sarebbe comunque proibito e verrebbero spinti alla rieducazione di tale potere, spesso dirigendolo verso un effetto simile di evocazione.
        Ciò che caratterizza tutti i membri è una maschera particolarmente elaborata, molti ne cercano il senso. Viene assegnata dopo le prove ed è relativa a render l’idea di una nuova identità, ma il vero senso è legato allo spirito del singolo.


        Titoli

        Luthiennen: Le incantatrici. Questo titolo è assunto dalle streghe e le barde che superano una prova chiamata l’Abbraccio della Madre. Esse non hanno al loro interno particolari gerarchia, rispettano la conoscenza e l’anzianità.

        Luththir: I guardiani delle incantatrici. Sono bardi e stregoni accettati nel Sorellanza dopo la prova chiamata Custodia della Madre. Hanno incarichi di vigilanza, difesa ed esecuzione dei voleri del Sorellanza. Anche tra di loro non vi sono particolari gerarchie o organizzazioni.

        Hirel Luthien: La Signora Incantatrice. La più saggia e potente fra le luthiennen che guida la Sorellanza.


        Scuola Bardica
        La Scuola Bardica non è un vero e proprio ordine ne ha regole o titoli. Si tratta dell’insieme dei bardi, dei poeti e degli artisti dell’Impero, uniti nello scopo di preservare le proprie creazioni. Tale unione non ha nessun altro obiettivo fisso, ma può dar vita a collaborazioni a seconda dell’indole artistica dei suoi membri.
        A Illium si trova l’archivio di tale scuola.

        Titoli

        Non vi sono titoli ne gerarchia, solo il rispetto per l’esperienza ed il prestigio guadagnato dai suoi membri.
        Alcuni bardi si dice che uniscano la capacità artistica alla leggiadria della scherma unendosi all’esercito come fonte d’ispirazione per gli animi dei fratelli. Costoro sono i Cantori della Lama, i Glirhatel.

        --------------------

        Personaggi Giocanti membri degli Ordini Arcani

        Varnon, Istir Luth dell'Ordine degli Ithryn
        Uralia, Ithryn dell'Ordine degli Ithryn

        Olaf, Luththir della Sorellanza delle Luthiennen
        Lilhiar, Luththir della Sorellanza delle Luthiennen

        Ultima modifica di Varnon; 14-02-2009, 23:43.
        Su Entara 3

        Raghnall Brennan
        Le Spire del Drago

        DEV

        Su Entara 2
        Varnon Malin.
        -Assistente e Portavoce del Sommo Elkhanter.
        -Istir Lùth dell'Ordine degli Ithryn.
        -Vice Rettore dell'Accademia di Magia di Ero.

        > "Discordia", la Cronaca del Passato di Eldarin.
        > "Edonnad", BG dell'Impero Elfico

        > Diario di Ricerca.

        "La conoscenza massima è la capacità di creare nuova conoscenza..."
        -----

        Commenta

        Sto operando...
        X