Nome: Brystool
Classe: Ladro
Razza: uomo lucertola
Residenza: Senza fissa dimora
fidanzato con: Myria



Descrizione

Alto, fisicamente molto prestante ed agile nei movimenti,
L'onesta' e la lealta' non sono tra le sue qualita',
furbo, imprevedibile, approfittatore ed imbroglione...
Sono le cariche che piu' si addicono a questo soggetto.
L'ampio mantelllo rigorosamente nero gli avvolge completamente il corpo ,
di solito e' tenuto chiuso da una spilla d'argento a forma di artiglio
agganciata nel centro del petto, non dando modo cosi' di percepire
i movimenti delle mani al di sotto di esso.
Il vaporoso cappuccio scende quasi interamente lungo il volto
celando il suo viso e quindi anche le sue fisionomie;
difficilmente lo scopre anche durante inevitabili duelli.





biografia



Fino a pochi anni fa umile stalliere presso il governatore di Lisynia, la sua citta' natale,
il suo compito era semplice, occuparsi delle stalle e dei cavalli, d'altronde non si puoteva pretendere troppo da un ragazzino ancora lontano dall'essere considerato adulto.
Il suo lavoro lo svolgeva senza lamentarsi, umilmente e con impegno.
Llavorando nelle scuderie aveva anche modo di poter incontrare la bellissima Myria, figlia del governatore, la piu' bella e dolce creatura che i suoi occhi abbiano mai visto.
Lei amava il suo cavallo, era uno stallone completamente bianco chiamato da lei Daha; lo possedeva ormai da molti anni, ora adolescente, il suo vecchio cavallo cominciava a sentire il peso dell'eta', sempre piu' brevi divenivano le sue allegre passeggiate con Daha, nello stesso tempo il rapporto di amicizia con chi accudiva il suo vecchio cavallo andavano man mano crescendo.
Con il passare del tempo la dolce fanciulla comincio' ad affezionarsi al simpatico stalliere finche' l'amore tra i due sboccio' di colpo trafiggendo entrambi con la freccia della passione; sapevano entrambi pero' che il loro amore non sarebbe mai stato approvato dal padre, l'inflessibile covernatore di Lysinia, cosi' decisero di tenerlo segreto.
Il tempo passava, i due stavano quando possibile insieme, finche' un giorno,
i due innamorati decisero di andare a passeggiare in un lago non lontano dalla loro citta'; dopo una romantica passeggiata si sedettero vicino alla riva del lago intrattenendosi con amorevoli attenzioni.
La sfortuna volle che il padre con una delle sue truppe di rientro da una battaglia decise di sostare al lago per far riposare e abbeverare i cavalli; grande fu lo stupore del padre vedendo la figlia abbracciata al giovane stalliere, sgrano' gli occhi incredulo, poi con voce autoritaria ordino' ai suoi uomini di prendere in custodia Brystool, la giovane Myria fu scortata a palazzo e segregata nelle sue stanze.
Inutili furono i tentativi di Myria per persuadere la decisione del padre, troppo adirato con la figlia da non degnarla di uno sguardo; fece rinchiudere in cella ilgiovane ordinando le peggiori torture.
I giorni passavano, Brystool continuava a venir torturato a poche decine di metri da lei, ne poteva udire i lamenti; ormai straziada dalle urla di dolore del suo amato Myria lascio' le sue stanze e affronto' il padre, lunga e dolorosa fu la discussione ma finalmente riusci' ad ottenere il suo perdono in cambio della promessa di nonincontrare mai piu' Brystool.
Il giovane fu esiliato dal villaggio, fu tramortito e trasportato lontano, le guardie lo gettarono a terra in mezzo alle campagne a ore di cammino dalla citta' nudo come ordinato dal governatore.
Da quel giorno Brystool vive la sua vita per strada senza dimora sognando la sua amata, nel cuore ormai colmo di rabbia, tristezza e risentimento una piccola fiammella continua
ad ardere, la speranza di incontrare di nuovo Myria, quando sarebbe accaduto non avrebbe permesso a nessuno di separarli ancora.
Negli anni vissuti per strada dovette arrangiarsi come pote' apprendendo cosi' l'ambigua arte del furto e della truffa, facendosi cosi' anche molti nemici; rinnego' le sue radici e i suoi credi facendo un solenne giuramento a se stesso...
"Un giorno vendetta sara' di chi l'amore mi nego'!"