annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Asthyan, Mastro alchimista di Palazzo d'edera

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Asthyan, Mastro alchimista di Palazzo d'edera

    Nome: Asthyan
    Classe: alchimista
    Razza: uomo lucertola
    Citta' natale: Lisynia
    Residenza attuale: Palazzo Edera
    Sposato con Heweryel
    figli: Sorano(deceduto) - Oria


    Biografia:



    Capitolo Primo - L'esilio


    Era una calda giornata estiva, Asthyan si trovava come sempre nel suo laboratorio a lavorare su qualche nuovo intruglio; ,

    era conosciuto in tutta la citta' per le sue abili doti di alchimista, tanto che ilgovernatore lo assunse presso la sua corte.
    Gli era stato commissionato di trovare una cura per la grave malattia che affliggeva sua moglie, la donna era ormai in gravi condizioni da tempo, l'impresa era ardua e la malattia sconosciuta; l'esperto alchimista dovette attingere da tutte le sue conoscenze per mettere appunto una pozione che potesse dare qualche effetto.
    Quel giorno Asthyan stava appunto verifincando delle miscelanze con alcuni reagenti molto pericolosi quando l'esperimento gli sfuggi di mano;
    ci fu una tremenda esplosione che fece saltare in aria il laboratorio, l'alchimista si salvo' per miracolo rifugiandosi nello scantinato appena i reagenti cominciarono a destabilizzarsi.
    Purtroppo la tremenda esplosione coinvolse anche parte della piazza principale dove proprio quel giorno ilgovernatore stava tenendo un'assemblea con tutti i cittadini annunciando le gravi condizioni della consorte.
    L'accaduto fu considerato dal regnante come un tentativo all'incolumita' della sua vita, cosi' Asthyan fu rinchiuso nelle prigioni del reame conl'accusa di tradimento.
    Allo sfortunato Asthyan vennero inflitte le turture piu'crudeli e spietate che essere vivente possa sopportare, ma ancora ilgovernatore non si sentiva appagato; qualche giorno dopo ordino' di pubblicare l'l'annuncio della condanna a morte per decapitazione del traditore, l'annuncio fu messo in bacheca nella piazza principale.
    Tutto sembrava perduto, giorno dopo giorno le torture che sopportava sembravano sempre meno dolorose inquanto ilgiorno dell'esecuzione inesorabilmente si avvicinava sempre piu'; piangeva Asthyan, piangeva angosciato dal dolore, ma non per le torture o la condanna, ma per sua moglie e i suoi figli che non avrebbe mai piu' rivisto.
    Appena saputo della condanna inflitta al marito, Heweryel si precipito' al palazzo del governatore accompagnata dai piccoli Sorano e Oria, supplico' il governatore di ritirare l'esecuzione; Nel vedere i giovani figli dell'alchimista, Myria, la giovane figlia dell'adirato regnante si commosse, parlo' a lungo con il padre fino a convincerlo a mutare la pena; la rabbia nel cuore del governatore si placo' accarezzato dalla dolcezza della sua unica figlia.
    L'affronto doveva comunque essere punito, cosi' decise di condannare il traditore all'esilio perpetuo, inoltre ordino' che sia i giovani figli, sia Heweryel non si sarebbero potuti allontanare dalla citta' finche' i giovani Sorano e Oria non fossero diventati adulti.
    Gli venne concesso un'ultimo incontro prima dell'esecuzione della condanna, un ultimo e rapido abbraccio in piazza prima di essere scortato dai soldati all'esterno delle mura come un cane, inoltre con l'avviso che se lo avessero visto girare nei pressi dellacitta' sarebbe stato ucciso a vista.
    Da quel giorno Asthyan comincio' un lungo pellegrinare per le terre dell'Ardesya, passando di villaggio in villaggio prestando i suoi servigi, sperando cosi' di espiare le sue colpe.
    Con se portava un unico ricordo della sua famiglia, un ciondolo di cristallo appeso al collo a forma di foglia, tenuto gelosamente sotto la tunica, l'unico legame con i suoi cari, l'unico legame con il suo passato, un tesoro che considera piu' prezioso della sua vita.
    Ultima modifica di Nemex; 14-01-2011, 11:11.

  • #2
    Capitolo Secondo - Un nuovo inizio

    Negli anni che trascorse vivendo come un viandante, vagando di villaggio in villaggio, la notizia di un abile alchimista girovago che prestava i suoi servigi per cibo e alloggio per la notte fece il giro di tutti i reami fino ad arrivare alle orecchie dell'anziano alchimista di Palazzo d'Edera.
    il vecchio mando' i suoi migliori collaboratori a cercarlo per invitarlo proponendogli di fermarsi da loro per aumentare le sue conoscenze, Asthyan accetto' l'offerta stranamente senza pensarci troppo; quegli anni di pellegrinaggio lo avevano stancato molto e fermarsi per qualche tempo di certo non gli avrebbe fatto male.
    Fu accolto meglio di quanto sperasse, l'ambiente gli piaceva, gli piaceva molto, poi, aveva fatto cooscenza con il suo compagno di stanza, un giovane mago molto promettente di nome Luxurius.
    Fecero in breve amicizia e il tempo libero lo passavano sempre assieme, scambiandosi racconti, esperienze vissute e opinioni personali; i mesi passavano ed Asthyan ormai si era perfettamente ambientato alla sua nuova vita, gli piaceva quello che faceva, dopo poche settimane di prova gli fu chiesto di diventare maestro d'accademia ed insegnare le sue arti a giovani vogliosi diimparare... ovviamente accetto' l'offerta con estremo entusiasmo.
    Gli anni passavano velocemente finche' si arrivo' al giorno della fine del corso per Luxurius; lascio' la scuola pochi giori dopo lasciando un nuovo dolore nel cuore di Asthyan che, nel mentre, assisteva l'anziano granmaestro.. ormai molto vecchio e malato.
    una sera gliconfigdo' di sentirsi molto prossimo alla morte e lo voleva ringraziare pe essergli stato vicino ad everlo aiutato ad amministrare la scuola;
    gli confesso' di averlo sempre considerato il suo pupillo tanto che, ormai vicino alla fine della sua vita, gli chiese di succederlo alla guida della scuola.
    Sbigottito da tale richiesta esito' a dare una risposta all'anziano, anche se, ne aveva gia' enfatizzato il desiderio dal suo sguardo acceso; accetto' infine con immenso onore l'incarico; un uovo capitolo della sua vita stava cominciando quel giorno, anche se nel suo cuore rimaneva indelebile il desiderio di riunirsi ungiorno ai suoi cari.
    Ultima modifica di Nemex; 14-01-2011, 13:02.

    Commenta

    Sto operando...
    X