annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[TRAMA] Liberta' e rinascita - Il Casato Claddath -

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • [TRAMA] Liberta' e rinascita - Il Casato Claddath -

    Finalmente ho capito.....ho capito perche' sin da piccoli ci inculcano l'idea che la superficie sia un luogo orribile, indegno della nostra attenzione....loro lo sanno, sanno che la magia del sottosuolo si disfa se esposta per lungo tempo alla luce del sole. I deowmer a cui ero legata tramite i miei bracciali si erano indeboliti fino a infrangersi, Casa Braen non poteva piu' controllarmi ero libera. Era stato Dantrag ad aprirmi gli occhi entrambi eravamo pezzi scomodi per il casato, Krielyia aveva organizzato tutto a finche ci eliminassimo a vicenda. Invece, qualcosa era andato storto, io non ero vulnerabile come lei aveva progettato e Dantrag non era stupido come lei aveva creduto. E ora entrambi eravamo liberi.
    Ma cosa voleva dire per me liberta'?
    Da quando ero arrivata in superficie avevo creato un discreto giro di affari, rifornivo Braen di varie merci difficilmente reperibili nel sottosuolo ma che abbondavano in superficie, artefatti magici, schiavi, cibi, il tutto per un misero guadagno. Ora mi si apriva nuove prospettive dinanzi agli occhi, mentre parlavo con Dantrag, mentre ascoltavo le sue parole. Un progetto prendeva vita nella mia mente.
    Un nuovo casato, qui in superficie, appropriarci lentamente delle tratte commerciali per Cress, rifornire le casate del sottosuolo con merci pregiate e stavolta far crescere il mio casato e non quello degli altri.
    Mentre l'idea prendeva corpo era arrivato anche Nebor, lui e' molto concentrato sulle sue ricerche, ma l'idea non gli spiace anzi sembra esserne affascinato quanto me.
    Dantrag fa il prezioso, dice che deve pensarci cosi' gli lascio il tempo sufficiente per riflettere sulla mia proposta.
    Ho rintracciato anche Krus, lui mi e' fedele gli offro nuovamente un clan a cui appartenere, una famiglia, un nome a cui rendere onore, ha il timore di non poter controllare la sua ira e per questo di creare problemi, so bene che Krus ha un problema e che potrebbe facilmente rigirarsi contro di me, ma so anche che il suo potenziale e' infinito. Guidato nel modo corretto sara' un pezzo fondamentale del Casato. Alla fine accetta conscio che finalmente non sara' solo e che avra' un casato intorno a lui.
    Manca Dantrag, lui la sua mente cosi' sottile cosi' lungimirante, ha una cosa che a me manca, la pazienza, io non sono stata allevata per la politica, io sono stata allevata per uccidere, a me basta il freddo acciaio della mia arma, lui invece vede come muovere i passi per un successo duraturo. Crescendo potrebbe ricoprire tranquillamente la carica di diplomatico. Poi con Nebor al mio fianco non ho paura di nulla, il suo potere e' in costante ascesa, ha volte ho timore dei suoi attacchi, ma per ora sembra essere sottocontrollo.

    Ed ecco che anche Dantrag si e' unito ai Claddath, si ho scelto il nome di un casato decaduto, ho deciso di riportare in auge questo nome e voglio che con il tempo ogni membro del Casato dei Claddath venga guardato con rispetto e timore, voglio il potere, voglio il denaro e voglio schiacciare un giorno Casa Braen.

    Quando Dantrag ha accettato di entrare nei Claddath ho eseguito un antico rito di affiliazione, sono una delle prime cose che ti insegnano da bambina, anche se non sarai una sacerdotessa, i rudimenti li insegnano a tutti, ricordavo ancora, le parole la sensazione e gli effetti del giuramento di fedelta'. Ho deciso che solo Dantrag avrebbe dovuto subirlo e' il piu' giovane, il piu' astuto, il piu' misterioso, si di lui non mi fido, come non mi fiderei di nessun drow allevato nel sottosuolo. L'ho vincolato alla sua parola, l'ho vincolato a me alla fedelta' alla casata.

    L'ho fatto inginocchiare dinanzi a me e ho recitato l'antico rito, per essere sicura l'ho recitato sia in drowish che in comune, volevo essere certa che il legame si creasse in ogni caso.

    Xuil vhaid udos ja"hai Dantrag wund udossta Qu'ellar yallt.
    Dantrag, dos inbal proven dosst zin'olhyrran ulu dosst lodias, izil al izil dosst z'ress wun xonathull lueth dosst eluith'orth ulu l'Quarval-sharess. Harl'il'cik wun alust d'dosst ilharess harl l'kyorl'urn solen d'udossta quarval-sharess lueth telanth dosst hithern.


    Con orgoglio accettiamo oggi, Dantrag nella nostra Casa.
    Dantrag hai dimostrato la tua lealtà alla tua gente così come la tua resistenza nella battaglia e la tua devozione alla divinità. Inginocchiati di fronte alla tua matrona, sotto gli occhi osservanti della divinità e pronuncia il tuo voto.


    Ha deposto ai miei piedi la sua spada, il suo guanto d'arme, con questo gesto ha sancito il suo legame con me e con il casato, non so se lui sappia cosa ha comportato il suo gesto, ma sono sicura che non tardera' a scoprirlo.
    Ho terminato il rito sancendo il nostro legame accettandolo ufficialmente tra di noi.

    Dantrag, dal nin pholor dos phuul natha retlah usulii d'nindol qu'ellar. Ori'gato nauuss plynn dosst vhaid. Dos orn dro, malar lueth el whol dosst qu'ellar izil zhah l'Ilhar's orn. Fre'sla lueth plynn dosst k'lar wund dosst dalninuken.

    Dantrag ora sei membro di questa casa. Non lasciate che nessuno porti via il nostro orgoglio. Vivrai, combatterai e morirai per la Casa come è volontà della Madre. Alzati e prendi posto tra i tuoi fratelli.

    Ha ripreso la sua spada, si e' alzato avvicinandosi a Krus, ora siamo una Casa, ora noi siamo i Claddath, vivremo per l'onore e la gloria, prospereremo sotto il segno dei nostri Dei. E con il tempo temeranno la nostra mano.

    Il casato dei Claddath ora comprendeva:

    Cleindori Claddath Ilharess [Matrona]

    Nebor Claddath Ilharn [Patrono]

    Krus Claddath Qu'el'saruk [Maestro d'armi]

    Dantrag Claddath Veldruk [Assassino]


    -------------------------------------

    Nota off gdr: Il casato Claddath non vuole essere una gilda o clan, ma e' un casato nobiliare appena creato che tendera' ad allargare la sua influenza a Zakro e a Mallia, in maniera discreta e lenta. Naturalmente chiunque abbia un drow puo' fare richiesta di affiliazione al casato, ovviamente ci si riserva il diritto di mettere alla prova l'aspirante come accadrebbe in qualunque societa' drowish. Abbiamo cercato un modo affiche' chi si rolli un drow non sia proprio un anima spersa e giochi sempre in solitaria, si fa presente che il drow su equilibrium da quello che posso aver capito, si ispira al drow di Forgotten Realms, con la differenza che qui il matriarcato puo' essere una facciata e il potere detenuto anche dai maschi, nonostante tutto alle femmine viene riservato il massimo rispetto. Quindi onde evitare discussioni future, sappiate che chiunque voglia ruolare il drow con me lo faccia tranquillamente ma tenga presente quanto sopra, inoltre suggerisco di leggervi qualcosa circa la societa' drowish ci sono dei siti interessanti per farvi un idea di come sia la psicologia drow. Pur lasciando liberta' di caratterizzazione del pg, se decidete di ruolare un pg nato nel sottosuolo vi prego di evitare di farlo parlare come un troll ^^ altrimenti sarei costretta a sacrificarvi sul primo altare che trovo ^^. (Se qualche immortale ha dubbi incertezze perplessita' o affine, o trova qualche cosa che non vada, sono piu' che pronta a correggere)
    Ultima modifica di Ainu2006; 03-03-2008, 13:30.
    Ainu Anie Culnamo
    Tellerryn Earwen Tasardur, della Quiete il Sussurro
    Cleindori Claddath Ilharess [Matrona]
    Yisa, Paladina di Myreck
    Willow di Garenwood --,--'-@ La Cantastorie @-'--,--
    Ilia Annael Calien [ Dono di Luce ]


  • #2
    Pur lasciando liberta' di caratterizzazione del pg, se decidete di ruolare un pg nato nel sottosuolo vi prego di evitare di farlo parlare come un troll ^^ altrimenti sarei costretta a sacrificarvi sul primo altare che trovo ^^.
    Opinabile.

    Intervengo perche' so che la frecciatina e' rivolta al mio modo di giocare la drow. Non parla come un troll. Ha difetti di sintassi.
    Il drow lo parla benissimo e anche in modo abbastanza forbito. E' l'ardesyano che non digerisce. Quando tu la incontrasti, era appena "emersa", ora ha deciso di non parlarlo che in casi eccezionali. Lo fa per principio, le fa schifo.
    Cosa c'e' di sbagliato? Nascono tutti imparati per forza? Se io voglio dare realismo al fatto che l'ardesyano non sia la sua lingua madre sono passibile di pena capitale dalla nuova assassina matrona del mud? Scusa tanto ma non digerisco questo approccio, perche' se e' vero che ho "liberta' di caratterizzazione del pg" non mi puoi stare a dire che me lo ari alla prima occasione perche' parla un ardesyano da far schifo.

    Pero' il dubbio m'e' venuto e mi chiedo:
    E' una scelta di caratterizzazione tanto INCREDIBILMENTE INACCETTABILE che un pg con una lingua madre diversa dall'ardesyano che sia elfico, drowish, nanesco o sonasega, abbia dei difetti di bilinguismo, difetti di pronuncia, difetti di grammatica?
    Con un'anitra di gomma non si è mai soli.

    Commenta


    • #3
      Allora sempre in assoluta liberta' di gioco voglio precisare un paio di cose, inanzitutto Cleindori non e' matrona assassina del mud, vorrebbe fondare un casato nobiliare con altre persone. Da suo bg Cleindori è stata allevata nel sottosuolo in modo molto rigido rispecchiando cosi' una mentalita' abbastanza ristretta, lei vede in qualunque genere di deficienza, fisica, mentale o di apprendimento, una debolezza che lei non tollera. Ora se il mio riferimento al parlare l'aredesiano come un troll e' stato preso come una frecciatina, mi scuso sinceramente, non voleva esserlo, ci tenevo solo a sottolineare come si comporterebbe Cleindori dinanzi a certe situazioni, poi ognuno e' liberissimo di fare quello che vuole e di giocare come crede. Non era nelle mie intenzioni provocare reazioni di questo genere e mi scuso nuovamente. Cercavo solo di prevenire future discussioni caso mai qualcuno si fosse trovato a giocare il drow in modo particolare e chiedeva di entrare nel casato Claddath. Poi se la cosa genera troppi casini o discussioni, non c'e' problema. Basta che qualche immortale me lo dica e quello che e' stato fatto si disfa immediatamente.
      Ainu Anie Culnamo
      Tellerryn Earwen Tasardur, della Quiete il Sussurro
      Cleindori Claddath Ilharess [Matrona]
      Yisa, Paladina di Myreck
      Willow di Garenwood --,--'-@ La Cantastorie @-'--,--
      Ilia Annael Calien [ Dono di Luce ]

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da Ainu2006 Visualizza il messaggio
        Ora se il mio riferimento al parlare l'aredesiano come un troll e' stato preso come una frecciatina, mi scuso sinceramente, non voleva esserlo, ci tenevo solo a sottolineare come si comporterebbe Cleindori dinanzi a certe situazioni, poi ognuno e' liberissimo di fare quello che vuole e di giocare come crede. Non era nelle mie intenzioni provocare reazioni di questo genere e mi scuso nuovamente.
        Ok.
        Con un'anitra di gomma non si è mai soli.

        Commenta


        • #5
          allora tecnicamente giocarsi qualche problema di digestione con l'ardesyano (specialmente per una razza fiera come i drow) e' perfetto. in effetti il drow cerchera' in linea di massima di parlare drow con un suo simile e si sforzera' di parlare ardesyano (se proprio deve) con le popolazioni barbare della superfice (elfi di cacca, umani puzzoni)

          Sicuramente una matrona schizzinosa potrebbe anche punire (non con la morte) un suo suddito che non si adegua a parlare bene l'ardesyano perche' potrebbe far fare una brutta figura al casato intero

          comunque sia... ricordatevi le linee principali della caratterizzazione dei drow, sono altezzosi, schizzinosi e fighetti, alteri, cattivi per natura doppiogiochisti e "frega il prossimo tuo come fregherebbero te"

          per il resto... il casato va bene
          miraccomando...
          tenete d'occhio l'ambientazione generale

          Commenta


          • #6
            Racconto Spostato

            PS: Memnoch, non e' che insieme a questo reply si potrebbero cancellare anche i tre reply successivi al primo (cioe' quello di Tahlia, Ainu e Tahlia, in ordine)? Cosi' lasciamo tutto bello pulito e in ordine
            Ultima modifica di silwyth; 06-03-2008, 18:24.
            "Quello che di bello c'e' nella vita e' sempre un segreto"



            I am the flesh and bone of my own sword.
            Steel flows through my body, and fire is what courses through my blood.
            I have created over a thousand blades.
            Unknown to death.
            Nor known to life.
            Many times I have withstood enormous pain to create thousands of weapons.
            And yet, those hands that have braved so much will never hold anything.
            So as I pray now, I call forth "Unlimited Blade Works."

            Archer's Reality Marble Chant (Fate/Stay Night)

            Commenta


            • #7
              i racconti relativi al casato li devi mettere in un'altro 3d questo e' solo per officializzare la presenza del casato. spostalo in un 3d apposta marcato {racconti}
              i messaggi TRAMA sono CONOSCIUTI IN TUTTO IL MONDO i racconti interni non sono pubblici a meno che nn li facciate girare appositamente in gdr fra bardi e locandieri.

              te lo lascio qua dandoti la possibilita' di spostarlo.
              Ciao

              Commenta

              Sto operando...
              X