Page 1 of 2 12 LastLast
Results 1 to 15 of 27
  1. #1

    Default [Quest] Pillars of Five Elements

    Prologo

    …“Si narra di una storia antica, ormai dimenticata e tramutata in favola col passare del tempo. Racconta di gesta eroiche, artefatti dai poteri assoluti e di una grotta, dove il fuoco eterno è alimentato da un vento incessante che ormai ha arrotondato qualsiasi roccia incassata nella terra più antica e pura, si dice che in questa caverna il brillare fatuo delle fiamme trovi un solo riflesso, nel risplendere dell’acqua contenuta nella giara della vita”. Improntando una grossa risata, il vecchio eremita cambiò volto e finì “Ma questa è un’altra storia, ve la racconterò quando passerò per questo simpatico borgo la prossima volta, sono giunto qua non solo per gioire dei vostri sorrisi, ora senza fare storie fatemi proseguire senza farmi sentire singhiozzi, su da bravi…”.

    “Fallo per loro, le nuove generazioni non riusciranno mai ad essere avide quanto le presenti, capiranno e impareranno dagli errori del passato… forse…”. Mentre un vorticare di bambini faceva un gran chiasso implorando un nuovo racconto, alienato dai suoi pensieri, a passo lento e con lo sguardo basso, sommessamente il solitario umano Nortiln Hawklight si dirigeva verso la bacheca stringendo in mano un messaggio. Di uguali ne aveva una sacca piena e il loro peso sembrava equiparare quello di un carrello da minatore, che placidamente porta il suo cottimo alla luce per raffinarlo.

    Nel lento fare verso la piazza centrale, il vecchio poteva ascoltare le voci che lo accompagnavano durante i suoi spostamenti in ogni dove abitato. Non erano più quelle assillanti e squillanti dei bambini, le quali avevano fatto posto a un sommesso ciarlare che mesceva le dicerie a un senso di timore che rendeva oscura e reverenziale allo stesso tempo la presenza del monaco.

    Le vicende passate che ponevano un cono d'ombra sul vecchio, erano tutte impuntate sulla sua discendenza ad una famosa stirpe, che ebbe nel suo più celebre rappresentante sia fama che disgrazia al contempo in tempi ormai lasciati all'oblio. Jin Hawklight, questo il suo nome, era un artigiano, il quale nelle mani riusciva a concentrare tutta la sua abilità e tale era la sua dedizione verso l’arte, che le sue opere da semplici suppellettili si trasformarono in poco tempo in veri e propri monili, senza eguali, ricercati ovunque, tali da tramutare in breve tempo un semplice artigiano in un artista di fama alla ricerca della perfezione.

    Il proseguo a questa bella favola, non è altrettanto roseo. Il forte desiderio di “perfezione” col tempo divenne sempre più ossessivo, il cammino verso un mondo magico s’intrecciava sempre più con la voglia di plasmare qualcosa che splendesse di vita propria o almeno che non desse quel senso di staticità che ogni sua opera a lungo pareva dargli. Mediante la fama acquisita riuscì ad ottenere un laboratorio fornito dei materiali più pregiati e disparati, tanto da poter far invidia a qualsiasi druido o artigiano vivente e lo studio vessante degli elementi rendeva ogni ornamento creato sempre più qualcosa di connaturato, ma la bellezza intrinseca in ognuno di essi tendeva a sbalordire le corti dei viziosi che lo assoldavano e a tener così sottocontrollo le voci dei suoi paralleli studi arcani.

    All’acume dei suoi studi, si dice che Mastro Hawklight, grazie a un’immensa dedizione e grazie alla consapevolezza della sua bravura, riuscì a dare, dopo molti tentativi, un senso di completezza alla sua vita, facendo sì che la stessa lo abbandonasse per plasmare nello stesso tempo, come un dio, la materia pura, trascendendo lo stato della sostanza e modellandola a proprio piacimento. Proprio come un nume onnipotente, donò energia propria ad ognuno dei cinque pilastri, presenti all’interno del rituale. In ognuno di essi fu racchiuso, con l’ultimo sospiro di esistenza, una delle quattro forme di energia su cui tutto ruota e grazie alle quali esiste vita senziente su Sosaria.

    L’esempio di grandezza e unicità nel modellare qualsiasi cosa, compresi gli elementi che compongono la vita stessa, da parte di un semplice uomo, simbolo inequivocabile di sfida verso le divinità, era ora davanti a tutti, o almeno tutti quelli che capirono realmente allora cosa avvenne realmente e, grazie ai quali, ora quel vecchio era deriso e schernito da chi della propria fantasia ne aveva fatto il tappeto dell’uscio di casa.

    Alla bacheca fu affissa una pergamena con tanto di stemma in ceralacca e, al calare del sole, com’era giunto, così il vecchio se ne andò. Come questa in poco tempo anche le teche delle altre città furono appuntate da quel che suonava come un monito al normale susseguirsi del giorno con la notte. In alcuni di questi centri abitati, mentre la sagoma scabrosa si allontanava confondendosi con l’orizzonte, i papiri furono subito stracciati o utilizzati per accendere pipe tra i vari sberleffi della gente comune riunitasi incuriosita, in altre, invece, meglio gestite, la pergamena fu subito adocchiata da prodi protettori del popolo e portata al cospetto di chi di dovere per farla esaminare.


    “A tutti i protettori delle terre emerse,
    siete chiamati a proteggere queste terre che tanto amate, che tanto vi contendete, che chiamate Sosaria. L’eremitaggio finora atto a proteggere gli scheletri nell’ armadio della mia dinastia, sembra giunto essere al termine.
    Da tempo qualche oscura presenza si aggira indisturbata per queste terre, come un fumo nero che inghiotte qualsiasi cosa e priva dell’ essenza vitale ciò che avvolge lasciandola intatta, sembra quasi che se ne cibi. Quest’essere sicuramente dotato di un’ intelligenza tutt’altro che basilare e animalesca, ha dimostrato scaltrezza ma allo stesso tempo un modo di fare sfrontato, privo di timore alcuno, tale da mettermi in seria difficoltà.
    Per questo vi sto per anticipare, per chi se ne vorrà far carico, che la partecipazione a questo mio segreto di certo per un po’ darà a che pensare quando calerà il sole sulle vostre teste e metterete a riposo i muscoli per dar spazio a sogni inquieti. I valorosi che giungeranno integri nell’ anima e nel corpo alla notte che precederà l’ alba del prossimo solstizio, potranno mirare quanta bellezza e potenza può racchiudere l’ opera di un vero artista e apprendere cosa significa vivere con una scure tesa sul collo per un’ intera esistenza.
    Quel sussulto dentro che sentirete, vi spingerà a proseguire senza esitare. Avrete in seguito tutte le precisazioni del caso, ma ora c’è da agire d’anticipo e farvi trovare pronti nel giusto momento e nel luogo esatto indicato da un indovinello in mio possesso, parte della chiave che apre le porte delle ultime volontà del mio avo, Jin Hawklight.
    Un messaggio vi aspetterà all’ osservatorio di Moonglow per consolidare le motivazioni di tanto allarme e porre sotto un unico cielo i cuori impavidi di questa terra, pronti per la conquista di un pezzo di serenità.
    In Fede,
    Nortiln Hawklight”

  2. #2

    Default

    Earth Pillar

    La terra tremò, l’ aria nei dintorni era elettrizzata. Gli animali intuirono già tutto, e fuggirono da quella zona. Un’ immensa energia fuoriuscì dal gigantesco portale, presto delle creature l’ avrebbero varcato e messo piede in Sosaria.

    “Non c’è più tempo, il primo pilastro, quello della Terra, ha raggiunto il suo massimo potere. Bisogna agire.”, disse tra sé e sé Nortiln Hawklight.
    Si diresse verso l’ osservatorio di Moonglow per lasciare il messaggio da lui stesso promesso, rivolto a tutti i protettori delle terre di Sosaria.


    “Il pilastro della Terra ha già cominciato il suo lavoro. Se l’ energia dei 5 pilastri si amplierà in tutta Sosaria, per tutti noi sarà finita. Per i nani, per gli elfi, per i barbari, per i goblin, per gli elfi oscuri, per gli umani, per l’ Ordine e per il Chaos. Quindi vi prego di riunire le vostre forze, per una volta mettete da parte i vostri odi, i vostro rancori e la vostra fame di conquista. Da soli non ce la farete, fidatevi delle mie parole, del discendente del casato Hawklight, creatore di questa blasfemia.

    Il luogo esatto dell’ ubicazione del portale che vi porta al primo pilastro non lo conosco, ma ho qui un indovinello che vi farà molto comodo, e forse vi farà risparmiare tempo nella ricerca.


    <Se il pilastro vuoi trovare, il varco devi oltrepassare.
    Alle spalle dei signori della terra devi cercare, dove l’ acqua un occhio è andata a formare.>


    Buona fortuna, ne avrete bisogno."



    In quella città Malfurion diventò famoso grazie alle sue poesie e ai suoi canti.
    Il più famoso fu il "Canto dei Nani", un canto che i nani avrebbero potuto utilizzare in battaglia.

    Ormai la città era desolata, tutti erano morti o fuggiti, compreso il poeta nanico, dopo l' insediamento di un pilastro gigante e di mostruose creature.
    Le sue opere rimasero sepolte in quella città, qualcuno si chiedeva se il famoso "Canto dei Nani" era ancora intatto e fu promessa una ricca ricompensa a chi l' avrebbe recuperato e portato nelle terre dei nani, Minoc.
    Last edited by InceptionZHI; 08-11-2011 at 12:31.

  3. #3

    Default

    Un fastidioso brusio proveniva da un'insolita folla che s'accalcava presso l'osservatorio di Moonglow, un posto tanto deserto e silenzioso nell'ordinario...
    Nei paraggi, in una radura poco distante di li, vagavano a zonzo un borioso Prayer e la sua fedel consorte Aerith affiancati dalla compagnia del fratello maggiore di lei, il gagliardo Vercingetorige; Vercinge, per gli amici...

    Quel lontano chiasso che riecheggiava fra le colline attirò la loro attenzione
    "A quanto pare la vendemmia è cominciata" esortò il bislacco Vercinge

    La curiosità li portò ad avvicinarsi al grande osservatorio, incrociando volti impalliditi e sguardi impietriti..
    "O questo vino fa schifo, o c'è dell'altro..." aggiunse poi;

    Accelerarono, facendosi sempre più interessati; Aerith, da brava miope, cercava di mettere a fuoco strizzando gli occhi, man mano che si facevano più vicini al luogo finchè presto furono giunti.

    Con le sue spallacce Prayer si fece spazio fra la folla; L'indizio era nascosto, ma ben chiaro...

    Tornò dai suoi due compagni di sventura, mormorando una strana filastrocca

    <Se il pilastro vuoi trovare, il varco devi oltrepassare.
    Alle spalle dei signori della terra devi cercare, dove l’ acqua un occhio è andata a formare.>

    I fratelli lo osservavano con aria interrogata, ma non osarono distoglierlo giacché preso dalla sua meditazione.
    *Uhm... dove l'acqua un occhio è andata a formare... deve trattarsi di un'isolotto disperso chissà dove, in mezzo agli oceani... Eppure mi sembra di aver visto qualcosa di simile...* Prayer non temeva le terre, né le acque; ne aveva varcate ed esplorate, la sua esperienza era degna di un Matusa.
    "Ma certo! Forse ho capito! Prendete la barca, spiegate le vele e tirate su l'àncora!" impartì.

    Il mare era agitato quel pomeriggio, il sole sembrò tramontare prima del solito; si poteva fiutare qualcosa di cattivo nell'aria.
    Prayer osservava una mappa ingiallita e bruciacchiata... l'aveva disegnata lui stesso, molto tempo prima, alla ricerca di qualche mistico tesoro fra le isole ed i mari.
    "Procediamo ancora verso Nord... ci siamo quasi"

    Una fitta nebbia li avvolse; non si vedeva più niente. Un rumore sordo ed uno scossone li allarmò; la barca cominciava a prendere acqua; intravidero della terra, e l'odore degli erbaggi fece capire loro che erano giunti a destinazione.
    Si affrettarono a scendere a terra; La nebbia magicamente si dissolse, mostrando un portale oscuro.
    Vercinge, deciso, non esitò a varcarlo; Prayer lo seguì; Aerith, tentennando, decise di seguirli: non sarebbe di certo rimasta sola su quell'isola sperduta!

    Si trovarono catapultati come in una dimensione parallela; in un luogo mai comparso sulle mappe.
    Si guardarono attorno, poi volsero lo sguardo verso l'imponente edificio che sorgeva davanti ai loro occhi.
    Avanzarono verso la gradinata della fortezza, quando una mandria di malvage creature non definite si gettò contro di loro.

    Con destrezza seppero sbarazzarsene, pensando di esser al sicuro. Ma pochi passi più avanti si resero conto di trovarsi in qualcosa di paragonabile all'inferno...

    Sentirono dei passi alle loro spalle; pronti si voltarono per difendersi, ma si resero conto che non erano da soli in quel postaccio; Ifrit e Cleopatra si chiamavano: un cavaliere ed una guerriera avevano trovato il passaggio immediatamente dopo ed erano pronti ad unirsi per porre fine a quel putiferio.
    Ma non sapevano cosa li stesse aspettando...

    A spade pronte e teste alte procedevano facendo piazza pulita; Ma oltre alla loro forza dovettero impiegare la loro arguzia e la loro intelligenza quando si presentarono numerosi enigmi incisi sui grandi portoni di legno massiccio che sbarravan loro la strada.

    Pronunciata l'ultima parola d'ordine si ritrovarono ai piedi di un insolito affare. Una colonna... uno strano pilastro attorno al quale si snodava un inquietante serpe gigante.
    Non si fecero prendere dal timore, ed impavidi si scagliarono contro il pilastro facendolo crollare in men che non si dica. Fra le macerie s'intravide qualcosa di luccicante...

    Aerith: "Hei quelli devon essere i miei preziosi monili! Li ho persi durante la battaglia!"

    Gli uomini decisero di mostrare la loro virilità, cominciando a spostare i macigni, tirando fuori infine un forziere...

    Scassinata la serratura ebbero modo di ammirare la loro ricompensa per aver liberato Sosaria da una simil minaccia... Una ricompensa che andava oltre l'oro di quelle monete; la ricompensa del senso della collaborazione e della solidarietà.


    Quote Originally Posted by Dj-Moira View Post
    Mamma mia,sei inutile come Crilin in dragonball,io mi farei due domande.
    Quote Originally Posted by Azgul View Post
    Diablo non riesci ad argomentare senza offendere…… Staff pretendo l'ammonizione per Diablo .

  4. #4

    Default

    Water Pillar

    I mari di Sosaria erano in subbuglio. Onde gigantesche sovrastavano le coste, i marinai usciti in barca non sarebbero mai più tornati dalle loro famiglie, inghiottiti ormai da quelle acque malvage.

    Il Pilastro dell’ Acqua stava sprigionando la propria energia.

    Nortiln Hawklight era a conoscenza di un indizio lasciato da un suo avo, un indizio utile a trovare l’ ubicazione del pilastro. Un indizio povero, ma con un grande significato: Cercare tra i due denti.

    Nortiln sparse la voce, cittadini e abitanti di ogni dove appesero pergamene, con la speranza che qualche abile avventuriero e stratega distruggesse il pilastro.

  5. #5
    Super Member

    Necromoncer's Avatar
    Join Date
    Sep 2008
    Age
    27
    Posts
    1,710

    Default

    Il valoroso guerriero Nano proveniente da Minoc , Grifo , si alleò con il difensore di virtù Loxwash , per sconfiggere le forze del male e distruggere il pilastro d'acqua.
    "Cercate tra i due denti" era l'unica informazione lasciata da Nortiln Hawklight.
    Non molto tempo dal ritrovamento dell'indizio trascorse all'arrivo nel luogo predestinato, ma i due guerrieri ebbero qualche difficoltà : girovagarono per le periferie di Yew , prima , per le Lost Lands dopo.


    Infine, per le foreste delle LL , sedutisi sulla neve a riflettere, una lampadina in Lox si accese , prese la barca e vi invitò Grifo a salire , e salparono. Giunsero ad una grande isola a forma di ferro di cavallo , pensarono i due, ma forse potevano essere anche i denti di cui Nortiln parlava.... Così , cercando l'entrata per il misterioso luogo , si trovarono all'interno di una grande cava e fecero una grandiosa scoperta :


    Poco più avanti di questa roccia trovarono finalmente il luogo , e vi entrarono.


    "Attento , umano , sono troppi! ", sussurrò Grifo, "bando alle ciance, fuori le armi , è tempo di combattere" ribattè Lox. Svuotarono case e case da creature elementali d'acqua, trovarono addirittura alcuni antichi tesori , per lo più vuoti..
    Combattendo , incontrarono per caso un cavaliere del Kaos , Jack Evans , e decisero di continuare la strada insieme. Giunsero i tre su di una banchina, necessitavano quindi di una barca, ma senza soldi si rivelò un ardua impresa. Per fortuna però il fratello di Jack , Ifrit, venne in soccorso e ci portò la sua di barca. Navigarono per una decina di minuti e arrivarono in una striscia di terra minuscola , una spiaggia.
    Trovarono due libri a terra: "raggiungete l'occhio della lucertola" era inciso sul primo, che indicava le istruzioni per raggiungere il luogo in cui andavano recitate le soluzioni degli indovinelli.
    Sul secondo libro vi era invece un indovinello :


    Per parecchio tempo ragionarono sulla risposta , finchè la trovarono :


    Nuovamente si misero in cammino e, dopo aver combattuto fino allo stremo con mostriciattoli potentissimi, finirono su una seconda banchina, che li portò su un pontile, in mezzo al mare. Una cassa era posta al centro di questo pontile, e al suo interno vi era un altro libro: "Non ho le gambe per ballare, non ho i polmoni per respirare, nessuna vita ho per vivere o morire , eppure io faccio tutte e tre le cose."
    Grifo subito concluse: "E' il fuoco ! "
    Così tornarono in città e cercarono una nuova pista, per trovare l'ultimo libro mancante. La marcia verso l'ultimo libro cominciò e , tra mostri e arcieri, Ifrit li abbandonò. Qualche minuto dopo si trovarono davanti ad un enorme villa, in cui in poco tempo Grifo perse la vita , ma per fortuna l'ultimo indizio si trovava lì, al sicuro.
    "Non sono mai stato, sempre sarò. Nessuno mi ha mai visto, nè mai mi vedrà. Eppure io sono la fiducia di tutti per vivere e respirare su questa sfera terrestre."
    Risolto anche questo indizio, il più difficile per loro , e recatisi sull'occhio della lucertola, recitarono le tre parole , insieme a molti altri combattenti, e giunsero in una nuova caverna piena di mostri.
    Qui vi era custodito il Water Pillar. Ma un ultima difficoltà si presentava alla squadra, per passare nella stanza del Pilastro , bisognava pronunciare il nome della città di Sosaria fondata sul lavoro, l'arte e la musica. Irvine si ricordò il nome Seagard e ci portò tutti nell'ultima stanza in cui vi era il guardiano e il pilastro. Entrambi caddero per nostra mano e un altro pilastro è stato distrutto !
    Luxwash [RDK]


    Quote Originally Posted by EvaGreen
    Io nel tempo libero mi so scoperto la Particella di Dio e ancora mi biosgna sentire ste stronzate del passato.... Sono cose banali dimostrabili con l'integrale definito all 5 di furier niente di difficile per uno come me!!!
    Studiate di + e aggiornatevi non viviamo nella preistoria..... Menti come la mia sono sprecate pure al CERN....

    Quote Originally Posted by Liriniano View Post
    L asta si chiude alla cifra più alta
    Quote Originally Posted by argos89 View Post
    errare è umano ma perseverare è tibino -_-''

  6. #6

    Default

    Air Pillar

    Il vento spazzava via le foglie dagli alberi, i nidi degli uccelli, le genti si erano rifugiate nelle loro abitazioni. I campi erano stati rovinati, era un vento talmente forte che neanche un elfo riusciva a resistere.
    Tutto questo era sicuramente opera del Pilastro dell’ Aria.
    Oramai coloro che avevano distrutto i due pilastri si aspettavano qualche altro fenomeno anormale, ma aspettavano solo un aiuto da Nortiln per cercare il pilastro, che puntualmente arrivò.
    Nortiln voleva, anzi, doveva distruggere quei pilastri per il bene di Sosaria.

    "L’ isoletta da un edificio è protetta. Briganti dovrai fronteggiare, lì non fan altro che muscoli e abilità allenare.”

  7. #7

    Default

    Fire Pillar

    Nelle terre perdute la terrà tremava, il magma cominciò a fuoriuscire da un cratere. Presto avrebbe raggiunto e distrutto gli accampamenti e la città popolata dal Chaos.

    Il Pilastro del Fuoco aveva cominciato la sua attività, mandando su Sosaria le sue abominevoli creature, pronte per lo sterminio, attraverso un portale. Un portale creato grazie all' energia del magma che giaceva in quel vulcano, ove i cani dell' inferno, le fenici e il fuoco avevano trovato la loro dimora.

    Una nuova minaccia per le genti di Sosaria, e Nortiln sperava che qualcuno si sarebbe apprestato a raggiungere il luogo per fronteggiare il nuovo nemico.

  8. #8
    Baby Member


    Join Date
    Oct 2011
    Age
    30
    Posts
    72

    Default

    sbagliato

  9. #9
    Super Member

    Haxering's Avatar
    Join Date
    Jun 2006
    Location
    Casa di Valy O_o
    Posts
    1,629

    Default

    Anche il Guardiano del Pilastro Cadde sotto le nostre taglienti lame
    29-08-2014
    Seax per Sempre

    Quote Originally Posted by LionIV View Post
    p.s nell'unica occasione che ho sbroccato e stato mandato screen ad amir
    Quote Originally Posted by Mistyrio View Post
    150 Taming!!!
    Salutiiiiiiiiiiii!!!!!
    Pirata Nel Cuore....
    Oby 4ever

  10. #10
    Senior Member

    StarInTheSky's Avatar
    Join Date
    May 2009
    Location
    Altrove
    Posts
    314

    Default

    Appresa la notizia dell'attività del Pilastro Del Fuoco, i Cavalieri di ZoE si armarono di Coraggio, spinti dalla loro incomparabile fede nei confronti della Dea e decisero di avviarsi nelle terre oscure per affrontare le abominevoli creature, disposti anche a rischiare la vita pur di riportare la tranquillità tra le genti di Sosaria.
    "Vas Rel Por" e in un lampo i cavalieri Luthien, Cherubino, Etienne e Olimpya Of Britain raggiunsero il luogo nel quale si trovava il portale, pronti ad esplorare il luogo, con l'intento principale di trovare il Pilastro Del Fuoco e di distruggerlo.



    I Cavalieri entrarono nel portale e vi trovarono un pò di creature maligne a cui avrebbero dato una bella lezione.
    "Forza ragazzi, in nome di ZoE, facciamo vedere di che pasta siamo fatti" Pronunciò il valoroso Cherubino.



    E così fecero. Durante l'esplorazione del luogo, però, i cavalieri scoprirono che sparsi per il percorso c'erano degli strani oggetti. Osservandoli più attentamente si accorsero che ognuno di questi quattro oggetti aveva un ruolo particolare: erano degli indizi che avrebbero aiutato ad aprire un passaggio. Questo passaggio li avrebbe condotti dal Pilastro Del Fuoco. Uno di questi indizi fu trovato da Luthien. Esso pronunciava: i fuochi.



    Successivamente furono scoperti dagli altri cavalieri gli altri tre indizi: "Del passato", "non le sue ceneri" e "dovremmo riprendere".
    "La nostra Dea ci sta guidando verso la strada giusta, compagni, la sua bontà ci aiuterà a distruggere il male e ci darà la forza di continuare a combattere fino alla fine" Con queste parole Etienne incoraggiò i suoi compagni, già provati dalle creature maligne affrontate, a non arrendersi e ad andare avanti e lottare. Ad un certo punto i cavalieri trovarono un sentiero e delle strane leve che li avrebbero catapultati da una parte all'altra del luogo, fino a condurli all'ingresso che li avrebbe portati ad un passo dal GRANDE NEMICO.

    Last edited by StarInTheSky; 24-02-2012 at 02:02.

  11. #11
    Senior Member

    StarInTheSky's Avatar
    Join Date
    May 2009
    Location
    Altrove
    Posts
    314

    Default

    Giunti davanti all'ingresso, i quattro valorosi cavalieri trovarono un certo Nortiln Hawklight.
    "Benvenuti Messeri, finalmente qualche coraggioso cavaliere si è fatto avanti e ha deciso di affrontare questo Maledetto pilastro. Prima di giungere qui, avrete sicuramente trovato degli strani simboli con parole confuse e vi sarete chiesti l'utilità di queste parole. Ecco, questo è il momento di mettere insieme queste parole e SOLO la giusta combinazione tra queste vi permetterà di fare un passo verso il Nemico".
    Udite queste parole, i cavalieri si misero all'opera e cominciarono a creare varie combinazioni tra questi indizi. Dopo moltissimi tentativi, lady Olimpya ed Etienne riuscirono a trovare la combinazione perfetta. La frase da pronunciare era la seguente: Del passato dovremmo riprendere i fuochi non le sue ceneri.



    Appena giunti dentro la stanza, gli ZoE si accorsero di non essere soli. Haxering Of Northgard era già lì, intento a risolvere un ulteriore indovinello. I cinque quindi cominciarono a ragionare insieme su quale sarebbe potuta essere la soluzione che li avrebbe condotti dal Pilastro. In poco tempo, i cavalieri furono raggiunti da Grotgar e Martina Portolano. Questi, assieme ad Haxering, ricoprono il ruolo di assassini, ma stavolta, per una volta, avevano deciso di mettere da parte la loro indole cattiva e crudele e avevano deciso di allearsi con i buoni per sconfiggere il Grande Nemico.



    Le sette menti ragionarono insieme per risolvere l'ultimo indovinello, che richiedeva quale fosse il nome del drago che aveva causato la caduta dei Barbari di Northgard.
    "Ho trovato!" Esclamò Cherubino. "Il nome è Nargareth!!!"
    Così tutti pronunciarono il nome del drago ed entrarono nella stanza dove si trovava il guardiano del Fire Pillar. Avrebbero dovuto sconfiggere lui prima di distruggere il Pilastro.



    Tutti i potenti cavalieri si impegnarono, alcuni perdendo quasi la vita, per sconfiggere quel mostro, e alla fine, con tanti sacrifici e guidati dalla volontà di riportare la calma a Sosaria, i sette riuscirono a sconfiggere quel Degno Nemico.
    Il colpo finale fu sferrato da Haxering Of Northgard, che si congratulò con tutti per il grande lavoro di squadra che si era riusciti ad ottenere, nonostante non ci fosse alcuna caratteristica che lo accomunasse a tutti gli altri, se non la brama di sconfiggere l'avversario.



    "E anche il guardiano è stato sconfitto! Ora l'ultima cosa che ci resta da fare è distruggere il pilastro! Forza, compagni, un ultimo sforzo!" Così per l'ennesima volta tutti i sette cavalieri cominciarono a picchiare violentemente il pilastro, desiderosi di distruggerlo una volta per tutte.



    Finalmente Luthien, Olimpya, Cherubino, Etienne, Haxering, Grotgar e Martina Portolano riuscirono, con le eroiche azioni, nel loro intento riportando la pace e la tranquillità in tutta Sosaria, consapevoli che tutta la popolazione sarebbe stata loro per sempre grata.

    Last edited by StarInTheSky; 24-02-2012 at 02:02.

  12. #12

    Default

    Poison Pillar

    Il Veleno; assassini, briganti...Uomini stolti lo hanno usato, lui ha acquistato grande potere. Le terre libere avrebbe inondato, con i suoi più grandi fiumi verdi.

    L'uomo lo ha conosciuto vedendo altri esseri morire, il pilastro gli da forza inimmaginabile.

    Li' dove le bolle si formano potrete trovare l'accesso a questo luogo.

  13. #13
    Super Member

    Necromoncer's Avatar
    Join Date
    Sep 2008
    Age
    27
    Posts
    1,710

    Default

    Non molto tempo era trascorso dalle ultime battaglie che videro protagonisti molti valorosi guerrieri di Sosaria e i guardiani dei pilastri..
    Giunta la notizia fino a Delucia , Loxwash decise di incamminarsi alla ricerca del pilastro da abbattere.. Subito capì che doveva trattarsi di una palude , posto migliore come rifugio per assassini che usavano veleni assai potenti.. Papua , gli suggerirono. Ma lì nulla trovò , se non qualche infimo Signore dell'Acqua. Stanco del lungo viaggio , Loxwash si addormentò in una taverna di Serpent.
    Quando si svegliò si accorse che si era fatto molto tardi e che se non si fosse rimesso subito alla ricerca allora la sua missione non sarebbe stata mai compiuta. Giunse nei dintorni di Trinsic , dove una grande palude si estendeva , dominata da Elementali del Veleno ed altre creature malvagie, quello era il posto giusto. All'interno trovò due guerrieri , discretamente armati e già occupati a scacciare le forze del male , Noyz e Fleymarth. Purtroppo per continuare un indovinello davvero difficile andava risolto , e i tre guerrieri ebbero bisogno di chiamare in aiuto un potente addestratore di draghi , Freud , così da aprire il cancello magico per noi.



    Purtroppo l'avventura ancora non era finita. Altri 6 portali ancora dovevano essere aperti , per non parlare delle migliaia di creature che andavano ancora sconfitte ! Ragni , arcieri , scarafaggi , serpenti e il Guardiano del Pilastro del Veleno...
    Dopo aver ucciso parecchie creature non rimaneva che entrare nei due luoghi che contenevano la chiave degli indovinelli , che avrebbe permesso di proseguire il cammino verso il pilastro.



    Noyz invece entrò nell'altro luogo pronunciando "silenzio" e trovando cosi la seconda chiave..
    In realtà gli indovinelli però erano 3 , benchè i luoghi fossero 2. Fleymarth difatti trovò a terra uno strano oggetto , che riportava al suo interno il terzo indovinello !
    Unendo le risposte dei tre indovinelli , si formava una parola : KCN. Per molto tempo indagarono sulla parola.. finchè a Loxwash grazie alle sue conoscenze in ambito chimico, sebbene fosse un semplice guerriero, venne in mente che quella scritta non poteva essere altro che la formula bruta del



    Trovarono altre creature ed altri indovinelli ancora... come ad esempio: "Cosa dice una mamma ad un bimbo?" "Mangia ***** ******" Grazie a Noyz , ancora , riuscimmo tutti quanti a proseguire verso l'indovinello finale che ci avrebbe permesso di entrare nel luogo dove si nascondeva il Guardiano. Non ricordò bene l'iscrizione , so solo che la risposta era "quarantadue" , riguardava la risposta alla vita , all'universo e a tutto quanto. La risposta è data da Sathor di Delucia , famoso scrittore d'altri tempi che scrisse nel terzo libro della sua serie appunto questa risposta.

    Entrati i più coraggiosi all'interno del luogo che racchiudeva il pilastro , si videro davanti numerosi mostri arrabbiati moltissimo per l'invasione della loro zona. Molte furono le perdite , solo un valoroso rimase in vita: Noyz , di Cove, che uccise infine anche il Guardiano , mentre Sathor , magicamente rianimato da un potentissimo mago , distruggeva il pilastro. Così anche questa storia si concluse nel migliore dei modi e Sosaria è salva di nuovo.

    Nortiln Hawklight , è stato davvero un piacere per me aiutarti.

    In Fede , Loxwash.
    Last edited by Necromoncer; 24-06-2012 at 17:41.
    Luxwash [RDK]


    Quote Originally Posted by EvaGreen
    Io nel tempo libero mi so scoperto la Particella di Dio e ancora mi biosgna sentire ste stronzate del passato.... Sono cose banali dimostrabili con l'integrale definito all 5 di furier niente di difficile per uno come me!!!
    Studiate di + e aggiornatevi non viviamo nella preistoria..... Menti come la mia sono sprecate pure al CERN....

    Quote Originally Posted by Liriniano View Post
    L asta si chiude alla cifra più alta
    Quote Originally Posted by argos89 View Post
    errare è umano ma perseverare è tibino -_-''

  14. #14
    Super Member

    Cricco's Avatar
    Join Date
    Jan 2010
    Location
    Roma
    Age
    26
    Posts
    1,418

    Default

    *GDR off*
    La risposta bambino mangia tutto l'ho data io
    Pg on Zhi:
    Noyz of Cove


    SEAX PER SEMPRE


    Quote Originally Posted by TyrantZHI View Post
    Ammonito Noyz perché ha detto troppe cose sensate.

  15. #15
    Super Member

    Cricco's Avatar
    Join Date
    Jan 2010
    Location
    Roma
    Age
    26
    Posts
    1,418

    Default

    *GDR off*
    La risposta bambino mangia tutto l'ho data io
    Pg on Zhi:
    Noyz of Cove


    SEAX PER SEMPRE


    Quote Originally Posted by TyrantZHI View Post
    Ammonito Noyz perché ha detto troppe cose sensate.

Page 1 of 2 12 LastLast

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •