Al mercato di Monglow tutto tace, ormai è sera, i lampioni accesi illuminano i tavoli delle botteghe ormai vuoti e un tiepide vento spira da Est.

Una strana figura sbuca da dietro a un muro e piazza a terra un cristallo nero e scappa.
Il mattino seguente, al risveglio dei mercanti, qualcuno nota il cristallo e cerca di prenderlo, quando lo tocca, la mano si ustiona e una goccia di sangue cade sul cristallo.

Il cristallo comincia a vibrare e da esso esce una nuvola di fumo che pian piano si addensa in una porta, quando si apre, la sua soglia diventa uno specchio d’acqua fluttuante e aspira dentro di se il mercante.

Chi aveva assistito alla scena, si avvicina e stando bene attento a non toccare la sottile superficie d’acqua studia la situazione, fino a quando una voce non si sente provenire dal cristallo stesso:

“Stolti abitanti di Sosaria, l’esercito del Cristallo Nero sta marciando sul Vostro insignificante mondo, Voi e tutto ciò che rappresentate verrà spazzato via, la vostra memoria verrà cancellata per ora e per sempre, morirete definitivamente”, una risata cupa fa brillare per l’ultima volta l’acqua e poi la porta si chiude con un grosso tonfo.

I mercanti presenti impauriti tornano subito nelle loro città natali e chiedono aiuto a tutti i regnanti e subito partono i lavori per creare difese contro quella nuova minaccia, ma giunti al momento di usare la magia, essa non andava.

“E’ finita per noi, il Cristallo ha assorbito gran parte della magia di Sosaria, non ce la faremo”, dice un mercante, “Abbi fede, la grande Dea non permetterà che tutto finisca cosi, che tutto scompaia nel nulla, abbi fede”.

Il mondo di Sosaria è in pericolo e ha bisogno di te, Spadaccino, Mago o Lavoratore, l’esistenza di Sosaria dipende da te.