PDA

View Full Version : Conversione di un Nano guerriero che vuole diventare chieoco di Darak



scopitofitti
26-10-2007, 10:15
Il nano stava seduto sul ciglio della strada che sinuosa dalle imponenti porte di Eldarin si perdeva nel bosco.
Stava seduto,cercando di regolarizzare il proprio respiro ascoltando il frenetico battere del cuore,che da dentro il suo petto
batteva all'impazzata.
Lo sforzo era stato notevole,ma ne era valsa la pena,ancora una volta la sua spada era stata etratta dal fodero,ancora una volta per una nobile causa,
e ancora una volta non aveva deluso il suo padrone.
Scopito osservava i cadaveri dei banditi poc'anzi passati a fil di spada,il loro sangua ancora scorreva sulla lama,il nano sputo' a terra,saliva,sangue e polvere.
-Dannati bantidi-
Furono le uniche parole che disse.
Mentre osservava la scena,e i cadaveri martoriati gettati a terra,che ora nel tenero abbraccio della morte assumevano posizioni innaturali,si mise a pensare
alla sua vita,a quello che faceva e dove lo avrebbe condotto la sua strada.
A 81 anni suonati,il nano era nel fior fiore della givinezza,aveva condotto un'esistenza appagante,cercando di stare sempre nel giusto.
La sua spada difendeva i deboli,cercava sempre di schierarsi dalla parte del giusto,e anche in quel momento,provava una sorta di compassione per quelle vite
falciate,e in cuor suo si rimproverava di non risolto pacificamente lo scontro,anche se in vero Scopito Fitti non era conosciuto per la sua diplomazia.
Si mise a pensare,e si accorse che ,pur cercando di mantenere la sua vita su nobili binari mancava qualcosa,uno scopo.
O meglio,lo scopo gli era chiaro ma non riusciva a capire il perche' e il cosa lo portassero a comportarsi in una certa maniera e seguire certi principi.
Tutto accadde in un baleno......una serie di frammenti di ricordi che nel tempo d'un battito d'ali di una farfalla si metteono insieme,dando vita
ad una visione d'insieme che pochi istanti prima non poteva vedere.....
L'incontro e l'amicizia con Irondel,la condivisione di certi valori,quella forza mista a sete di giustizia che lo spingeva a buttarsi a capofitto
in qualsiasi battaglia per difendere i piu' deboli,anche rischiando la propria vita......
Il nano trovo' una sola parola in grado di spiegare tutto questo...."Darak".....pronuncio' il nome sussurrandolo e in quell'istante senti' la pae calare su di se.
Allora e' tutto un disegno divino?- penso'
-Quindi e' per lui che mi comporto in questo modo....-
La verita' che per troppo tempo non aveva voluto,o potuto vedere e' che tutte le sua azioni erano state guidate dalla mano benevola di Darak,che aveva ispirato
ogni suo passo,restando nell'ombra e aspettando pazientemente che il nano ne prendesse atto,ed ora che cio' era accaduto qualcosa sarebbe cambiato.
-e cosi' sara'- sussurro Scopito
-la mia lama sara' guidata dalla saggezza di darak,saro' un suo strumento su Ero-
Il nano sputo' a terra,con aria soddisfatta si alzo' rinfoderando la spada.
-HA HA e ora una bella birra!- furono le sue ultime parole incamminandosi verso le porte di Eldarin.